Il bambino autistico ostaggio di un assassino

31 gennaio 2013

31/01/2013 – Continua a resistere, rinchiuso in un bunker, l’uomo che ha preso in ostaggio un bambino di quasi sei anni a Midland, in Alabama. Proseguono le trattative

Da più di 24 ore è rinchiuso nel bunker> costruito sotto casa, dopo l’assalto allo scuola bus e il sequestro di un bambino di quasi 6 anni. Non si arrende Jimmy Lee Dikes, il 65enne che continua a tenere in ostaggio un ragazzino di Midland City, un paesino di 2300 abitanti in Alabama (Stati Uniti). Due profili così differenti: da una parte il sequestratore, un camionista in pensione ed ex veterano di guerra in Viet Nam, che fa parte del movimento dei “survivalist” (o “preppers”). In pratica, una setta costituita da persone che si preparano alla guerra nucleare e convinte di trovarsi alla vigilia di possibili stravolgimenti dell’ordine sociale o politico (come disastri naturali o crisi economiche). Dall’altra un bambino innocente, autistico, con urgente bisogno di farmaci.

SPARATORIA E SEQUESTRO – L’uomo aveva assaltato ieri un pulmino scolastico, dove viaggiavano numerosi bambini, riusciti per fortuna a fuggire. Dopo essere riuscito a fermare lo scuolabus, Lee Dykes ha chiesto di far scendere il bambino poi preso come ostaggio. Al rifiuto dell’autista, l’aggressore ha reagito sparando quattro colpi di pistola contro il conducente, poi morto a causa delle gravi ferite riportate. Il nome della vittima è Charles Albert Poland: un uomo di 66 anni, da molti cittadini di Midland adesso considerato un eroe per aver protetto, a costo della propria vita, i 21 studenti che viaggiavano sul bus.

FOLLE RESISTENZA – Da allora continua ad essere asserragliato nel bunker, da dove sono partite le trattative con gli agenti dell’Fbi e con la polizia per la liberazione del piccolo ostaggio. Secondo quanto si spiega su Foxnews.com la casa dove l’uomo si è rinchiuso con il bambino autistico risulta dotata di elettricità, televisione e cibo. Ma il bambino, fragile per la sua malattia, ha necessario bisogno di farmaci, come spiega anche il New York Times: soltanto dopo una lunga trattativa è stato possibile inviare dentro la casa delle medicine essenziali per la sua salute. Al contrario di quanto era stato riportato ieri dai media il ragazzino ha 5 anni (“Ne compirà 6 soltanto tra pochi giorni”, ha spiegato la famiglia).

IL PROFILO DEL SEQUESTRATORE- Jimmy Lee Dykes non è nuovo a gesti violenti: già in passato aveva minacciato i vicini di casa, tanto da essere conosciuto nel suo quartiere per essere un personaggio minaccioso. “Una volta ha picchiato a morte un cane con una spranga”, si rivela su TMP, un’altra minacciò di sparare a dei bambini soltanto perché, mentre stavano giocando, erano entrati nella sua proprietà. Sembra addirittura che durante la notte fosse solito “controllare” le sue proprietà con una torcia elettrica, oltre a minacciare i passanti con un fucile da caccia. Le autorità hanno spiegato come dovesse comparire in tribunale ieri mattina: era stato accusato di aver sparato il mese scorso contro i suoi vicini di casa. Non c’erano stati feriti in quell’occasione. Oltre a far parte della setta dei “survivalist”, che attendono l’apocalisse nucleare, l’uomo è stato definito come un soggetto “paranoico”, un veterano della guerra del Vietnam che soffre di disturbo post traumatico da stress. Avrebbe inoltre un atteggiamento fortemente anti-governativo, tipico di chi fa parte della setta dei “preppers”: i militanti sono infatti convinti nemici della Casa Bianca. Muniti di armi, non pochi costruiscono i bunker – proprio come Lee Dykes, in vista dell’ “inferno nucleare”. In America ci sarebbero almeno 1274 gruppi di preppers: un fenomeno in preoccupante crescita, dato che nel 2008 erano poco più di un centinaio. Non pochi hanno ricordato un’analogia con il drammatico caso della strage di Newtown, quella in cui il giovane Adam Lanza ha trucidato 26 persone, compresi 20 bambini nella scuola Sandy Hook. Anche la madre di Lanza, Nancy era infatti una “survivalist”.

RICHIESTE – Le trattative per la liberazione del ragazzo stanno ancora proseguendo in queste ore. Dal bunker il sequestratore avrebbe fatto alcune richieste, anche se per ora lo sceriffo si è limitato a spiegare come stiano “proseguendo i negoziati” e come “in questo momento non ci siano ragioni per credere che sia stato fatto del male al bambino”. Il pastore della chiesa di Midland, che si si è occupato di assistere i bambini fuggiti dal bus, ha invece spiegato come – in base alle primi indagini – “non ci dovrebbe essere alcuna relazione tra il malvivente e il piccolo preso in ostaggio”. Le motivazioni del sequestro sono ancora poco chiare: sembra che Dykes voglia soltanto riferire pubblicamente le sue “idee anti governative

di Alberto Sofia

Fonte: Giornalettismo
http://www.giornalettismo.com/archives/743103/alabama-il-bambino-autistico-ostaggio-di-un-assassino/

SURVIVALIST, LA SETTA CHE “UNISCE” STRAGE A SCUOLA E SEQUESTRO IN ALABAMA

WASHINGTON – Adepti della stessa setta, i cosiddetti “survivalist”. Una coincidenza lega la strage di Newtown, Connecticut, al sequestro ancora in corso di un bimbo in Alabama. La madre del killer della scuola elementare Sandy Hook e il folle che da due giorni è richiuso in un bunker minacciando di uccidere un innocente fanno parte del movimento dei ‘survivalist’.

Sia il veterano del Vietnam di Midland, Jimmy Lee Dykes, sia Nancy, la madre di Adam Lanza, sono fan di questa sorta di setta convinta che gli Stati Uniti siano di fronte a una apocalisse imminente, una tragedia nucleare, che porterà a tragici sconvolgimenti politici e sociali, in cui scatterà la lotta di tutti contro tutti, l’anarchia e la guerra per la sopravvivenza.

Per ‘sopravvivere’ a questo scenario da incubo, secondo loro bisogna prepararsi sin da ora. Preparare cibo a lunga conservazione, accumulare pile, armi, munizioni. E costruire persino un bunker sottoterra davanti casa, come ha fatto il maniaco dell’Alabama.

In America ci sono almeno 1274 gruppi di persone che seguono questo folle stile di vita, in drastica crescita, visto che nel 2008 erano appena 149. Secondo uno studio di un osservatorio su questi fenomeni, la diffusione dei ‘survivalist’ ha avuto un boom da quando Barack Obama e’ entrato alla Casa Bianca.

Fonte: blitz quotidiano
http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/survivalist-setta-unisce-strage-scuola-sequestro-alabama-1463746/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...