Processo Forteto. Bambini plagiati, maltrattati, abusati e gli imputati disertano la prima udienza. Troppa vergogna? Per il presidente dell’Associazione delle vittime, è soltanto una strategia difensiva

5/10/2013

Forteto, imputati assenti per troppa vergogna

Al via il processo alla comunità dell’orrore. Le vittime: “Ora la verità”

di Stefano Filippi

Non si sono fatti vedere. Nessuno dei 23 imputati al processo per le violenze del Forteto si è presentato alla prima udienza. Seminterrato del palazzo di giustizia di Firenze, ore 14, aula 28, grigia come il cielo di Toscana: ai banchi della difesa appaiono soltanto le toghe nere degli avvocati.

Tra il pubblico sono presenti le vittime degli abusi del «profeta» Rodolfo Fiesoli e i loro familiari. Ascoltano in silenzio, con pazienza. Conoscono bene le aule dei tribunali, soprattutto di quello dei minori. Sanno che ci vorrà un lungo cammino per ottenere giustizia. «Ma per noi questo processo è già un risultato, finalmente si farà luce sulla vicenda», dice Sergio Pietracito, presidente dell’associazione delle vittime del Forteto.

Pietracito non è sorpreso che Fiesoli e il suo clan non si siano mostrati. «È una strategia difensiva, credo che non si vergognino di nulla», dice. E la strategia è chiara: combattere sulle formalità e allungare i tempi. Soltanto il «profeta» è accusato di violenze, per gli altri membri della setta l’imputazione è di maltrattamenti aggravati, un reato che si estingue in tempi più brevi. Per altri imputati si direbbe che vogliono difendersi «dal» processo, non nel processo.

I difensori sono partiti con la tattica dello sfinimento presentando una montagna di eccezioni preliminari: le notifiche spedite per posta elettronica certificata, quelle consegnate dai carabinieri di Vicchio e non dalla polizia giudiziaria, la costituzione delle parti civili (le vittime, la regione Toscana che ha indagato a fondo sul Forteto, qualche comune). E poi c’è l’esercito dei testimoni: 150 soltanto quelli della difesa, tra cui Rosi Bindi e Massimo D’Alema, gli ex presidenti del Tribunale dei minorenni come Francesco Scarcella, Piero Tony e Gianfranco Casciano, giudici minorili e onorari, medici, psicologi, assistenti sociali.

Ci vorranno varie udienze prima che la corte decida quali testi ammettere e ci vorranno mesi per ascoltarli tutti. Proprio a loro, chiamati a rassicurare che nelle invalicabili mura della comunità di Fiesoli la vita era meravigliosa, il procuratore aggiunto Giuliano Giambartolomei e il sostituto Ornella Galeotti chiederanno conto del mare di irregolarità documentate, come gli affidamenti alla comunità e non alle famiglie, in violazione della legge.

Gli orrori del Forteto saranno raccontati da chi li ha subiti: le violenze sessuali e omosessuali, gli abusi, lo sfruttamento del lavoro minorile, le superficialità dei servizi sociali, la leggerezza della magistratura che ha continuato a mandare bambini e ragazzi alla comunità del Mugello nonostante i suoi capi fossero già stati condannati nei primi Anni 80 per reati specifici: atti di libidine, corruzione di minori, maltrattamenti.

Proprio su questa sentenza, che amministratori pubblici e magistrati fiorentini immediatamente seppellirono come un errore giudiziario, si è aperto un giallo. La procura di Firenze aveva chiesto mesi fa le carte del vecchio processo e i fascicoli degli affidamenti al Forteto disposti negli anni dal Tribunale dei minori. Ma la documentazione non si trovava. Un muro di gomma si è creato tra il palagiustizia di Firenze e l’archivio giudiziario di Prato. Carte perdute o nascoste?

Quando la procura ha minacciato di mandare i carabinieri a eseguire le ricerche, in 24 ore i fascicoli sono riemersi dal passato. E pare che in quegli incartamenti si trovi di tutto. Errori nell’indicare i nomi degli affidatari. Lettere disperate di madri cui veniva impedito di vedere i figli. Affidamenti non a coppie sposate ma a singoli o genericamente alla comunità. Comunicazioni della cooperativa agricola Forteto che, senza averne titolo, interloquiva con i giudici minorili. Lettere di bimbi plagiati e false missive scritte dai capi del Forteto per impedire i contatti tra le famiglie e i minori. Decine di storie drammatiche che attendono giustizia.

Fonte: Il Giornale

http://www.ilgiornale.it/news/interni/forteto-imputati-assenti-troppa-vergogna-955862.html

 

 

Forteto. Ieri la prima udienza del processo, ma Fiesoli non c’era…

prima udienza fortetoCi siamo. Ieri pomeriggio (venerdì 4 ottobre) è iniziato l’attesissimo processo a carico di Rodolfo Fiesoli e di 22 altri imputati, vertici o membri della comunità Il Forteto. Ma lui, Fiesoli, non c’era; e l’inizio è stato dedicato esclusivamente a schermaglie procedurali, con gli avvocati della Difesa che, come riporta oggi il quotidiano La Nazione, hanno sollevato una miriade di questioni di forma, come le modalità con cui è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini.

Questioni che hanno assorbito completamente le prime cinque ore di udienza; come la procedura (piuttosto lunga) per dichiarare che gli imputati erano contumaci (cioè assenti al processo). Se ne riparlerà ora nella prossima udienza, fissata per venerdì 11 ottobre; quando il collegio giudicante dovrà dare risposta a tutte le questioni procedurali emerse ieri.

Se, come prevedibile, saranno rigettate, il processo entrerà finalmente nel vivo. Nella prossima udienza saranno valutate anche le domande di costituzione di parte civile da parte di Provincia di Firenze, Comune di Vicchio ed Unione dei Comuni del Mugello (che si aggiungono così a Regione Toscana e Comune di Borgo San Lorenzo).

Intanto ieri, fuori dall’aula, stazionavano i rappresentanti del comitato delle vittime. Con il borghigiano Sergio Pietracito. Che affermava di considerare già una vittoria il processo in se stesso.

L’articolo della Nazione si chiude domandandosi se, alle prossime udienze, Fiesoli sarà presente… Vedremo…

 

Fonte: ok! Mugello

http://www.okmugello.it/vicchio/forteto-ieri-la-prima-udienza-del-processo-ma-fiesoli-non-cera/

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...