Pedofilia online: l’emergenza non si ferma. Siti pedofili, Italia al quarto posto in Europa

18/3/2014

Pedofilia on line emergenza non si ferma. Don di Noto: bambini troppo soli in rete

“L’emergenza non si ferma”, titola il Rapporto 2013 dell’Associazione Meter, nota per il suo impegno contro pedofilia e pedopornografia on line, in collaborazione con la Polizia postale. Lo studio è stato presentato ieri mattina nell’ambito del Convegno “Pedofilia e insidie del web”, organizzato dal Coisp ad Arezzo. Roberta Gisotti ha intervistato don Fortunato Di Noto, fondatore e presidente di Meter:RealAudioMP3 

Oltre 107 mila i siti Internet sospetti di attività pedofile segnalati alle autorità di Polizia da Meter dal 2003 al 2013, sono 6.139 mila i siti monitorati lo scorso anno, in netto calo – va detto – rispetto agli oltre 15 mila del 2012, grazie alle attività di contrasto degli organismi preposti, per i quali si aprono però più difficili sfide di lotta alle attività criminali nel cosiddetto deep weeb, la rete sommersa, dove navigare con appositi programmi per rendersi invisibili. Meter ne ha scovati oltre 56 mila nel 2012. Nel Rapporto, un appello a non lasciare soli nella Rete i bambini, che già ad 8 anni hanno una mentalità digitale che li porta a condividere emozioni e giochi nel mondo virtuale. E spesso, sono perfino i minori a produrre e postare volontariamente materiale a sfondo sessuale. Don Fortunato di Noto:

R. – E’ la riconferma ulteriore che la pedofilia, la pedopornografia – che non solo è reale, ma è veicolata anche attraverso il web – è veramente una nuova forma di schiavitù. Ci sono tantissimi milioni di bambini coinvolti in forme aberranti anche di sfruttamento sessuale, schiavi di gruppi o di persone che abusano di loro e oltre a quello producono anche materiale – video e foto – che immettono attraverso la rete Internet in canali, sia visibili che nascosti, come il deep web. Dobbiamo sicuramente fare sempre di più, impegnarci a far sì che questo contrasto che deve avvenire nel mondo reale, quindi a priori, avvenga in maniera decisiva e determinante.

D. – Don Di Noto, parliamo di deep web – ovvero la Rete invisibile – di cui a dir la verità la massima parte degli utenti non sono a conoscenza…

R. – Non sono a conoscenza, perché questo nuovo mondo – 550 volte circa più grande del mondo visibile, quindi immaginate un vastissimo mondo virtuale – dove ormai si è spostato il malaffare e la criminalità, e quindi di conseguenza anche lo sfruttamento sessuale dei bambini, sfrutta meccanismi sofisticatissimi che anche le Forze dell’ordine non riescono a controllare adeguatamente, proprio perché c’è quasi il massimo dell’anonimato. Questa è veramente la nuova sfida. Si tenga conto che è vero che noi abbiamo i social network visibili, ma anche lì dentro ci sono social network invisibili. Quasi un mondo parallelo. Un mondo che inquieta da una parte, anche se dall’altra parte sappiamo che ci sono elementi positivi come lo scambio di informazioni o per i ricercatori o per la medicina. Però è anche vero che nel 90% dei casi è un mondo criminale.

D. – Don Di Noto, si fa un gran parlare dei dati che mettiamo, in gran parte volontariamente, sui social network, ma si parla poco di questo deep web. C’è un sistema, tecnicamente, per sapere se il computer di nostro figlio ha accesso a questa rete invisibile?

R. – I genitori, ancora una volta, dovrebbero iniziare una scuola di alfabetizzazione digitale: nonostante tutto il boom del digitale e anche la promozione positiva dell’utilizzo dei social network, non abbiamo una consapevolezza dello strumento, dell’ambiente digitale in cui noi andiamo a vivere e viviamo in maniera reale. Certo, l’avere un controllo al cento per cento dei computer o degli smartphone che diamo nella mani dei nostri bambini per la prime comunioni come regalo io credo che diventi molto più difficile… Si possono inserire software di controllo, ma la cosa più importante è sempre investire più sulla conoscenza del mezzo e dell’ambiente digitale.

D. – Si può dire che la prima difesa è comunque la conoscenza dei problemi, la conoscenza del male…

R. – Sì, soprattutto, perché dobbiamo saper conoscere il male. Oggi, noi pensiamo che il male sia anche il bene e il bene sia anche il male. Il male ha un nome e un cognome: basti pensare al meccanismo dell’adescamento. L’adescamento nasce dalla gratificazione affettiva, nasce dalla sollecitazione del riempimento di solitudine dei nostri ragazzi. Molte volte nei ragazzi, che non hanno spesso punti di riferimento certi, costanti, affettivi è normale che il male si insidi dove è il vuoto affettivo, il vuoto d’amore. Bisogna fare molto di più.

D. – Meter ha avuto delle difficoltà finanziarie serie di recente…

R. – Ancora oggi ha delle difficoltà serie e molto serie. Io mi appello veramente agli uomini di buona volontà e mi appello alla mia Chiesa, di cui io sono un umile servitore, come sacerdote, come parroco, di avere un’attenzione per questa realtà che ormai da più di 20 anni opera nelle cosiddette favelas tecnologiche, ma anche nella vita del dolore dei bambini. Abbiamo bisogno, abbiamo bisogno di risorse per continuare a fare l’opera che facciamo nella Chiesa e nella società.

Fonte: Radio Vaticana

http://it.radiovaticana.va/news/2014/03/18/pedofilia_on_line_emergenza_non_si_ferma._don_di_noto:_bambini_troppo/it1-782573

 

 

Pedofilia: la nuova frontiera da contrastare è il “deep web”

Su 1.560 siti in tutto il mondo l’Italia ne conta 32 ed è al quarto posto della classifica in Europa

La pedofilia continua a correre sul web anche se rispetto al 2012, quando i siti segnalati erano stati 15.946, nel 2013 sono scesi a 6.389. La nuova frontiera da contrastare è però il ‘deep web’, ossia il web ‘sommerso’, le cui segnalazioni sono salite da 21.357 a 23.431. Questi alcuni dei dati diffusi oggi da don Fortunato Di Noto che ha presentato il Report annuale 2013 dell’associazione Meter nel corso di un convegno su ‘pedofilia e insidie del web’ in corso ad Arezzo.
I domini generici continuano ad essere utilizzati dai pedofili per mantenere l’anonimato e rappresentano l’82,15% delle segnalazioni, il 9,78% è costituito da domini specifici.
La presenza di comunità pedofile su social network è pari al 7,99% e proprio i social network si rivelano sempre più un’ottima piattaforma per la propaganda pedofila, dove lo scorso anno è “esploso” il ruolo dell’Africa che alimenta sempre di più la rete. Sui 1.560 siti individuati nel mondo l’Italia continua ad avere un ruolo abbastanza importante: con 32 siti e riferimenti è al quarto posto della classifica in Europa. Ma il lavoro della polizia postale, in collaborazione con alcune associazioni, sta dimostrando la sua efficacia.
Per quanto riguarda l’Italia il Report conferma che sono sempre più “i minori a produrre deliberatamente materiale a sfondo sessuale” e a metterlo direttamente in rete. Nel 2013 l’Associazione Meter ha erogato 735 consulenze telefoniche, 533 delle quali hanno dato risposte a chiamate arrivate dalla Sicilia, 54 dal Lazio, 35 dalla Lombardia.
Nonostante le difficoltà economiche, segnalate anche oggi da don Di Noto, i professioni di Meter, nel 2013, hanno incontrato 14.300 persone in tutto il territorio nazionale. Lo ha detto il dirigente nazionale della polizia postale Antonio Abruzzese, intervenuto al convegno in corso di svolgimento ad Arezzo su ‘Pedofilia e insidie del web’.
Il dato positivo di questi ultimi tempi è che sempre più minorenni denunciano persino loro stessi raccontando storie drammatiche ma aprendosi”, ha concluso Don Di Noto

 

Fonte: La Repubblica (Firenze)

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2014/03/18/news/pedofilia_la_nuova_frontiera_da_contrastare_il_deep_web-81290278/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...