Fedi di guarigione – I genitori che lasciano morire i loro bambini, dovrebbero andare in galera (Trad. ITA)

Libera traduzione a cura favisonlus dell’articolo a forma di Jerry A. Coyne, pubblicato su NEW REPUBLIC, il 2 marzo 2015

In America, 43 dei 50 Stati concedono qualche tipo di immunità civile o penale ai genitori che causano danni ai propri figli per negata assistenza medica per motivi religiosi. Se tua figlia ha il diabete o una grave infezione, e preghi per lei invece di somministrarle l’insulina o gli antibiotici, probabilmente rischia di morire, però tu sei in gran parte fuori dai guai legali. Ma questa immunità non si applica se danneggi  il tuo bambino negandogli le cure mediche per motivi non religiosi; per questo, puoi essere perseguito per negligenza, abuso o addirittura omicidio colposo. Questo privilegio della religione è pericoloso per i bambini -e ha ucciso molti di loro. In Idaho, ad esempio, i genitori sono immuni da processo per omicidio colposo o per omicidio dovuto a negligenza se hanno lasciato morire i loro figli in nome della fede. In realtà, là i genitori non possono essere affatto perseguiti  se si affidano esclusivamente alla fede.

I Seguaci di Cristo, una setta Pentecostale del cristianesimo che rifiuta ogni cura medica (compreso il ricorso alle ostetriche) a favore della preghiera, fiorisce sia in Oregon che in Idaho. Ma quegli Stati confinanti si differenziano fortemente nel modo in cui affrontano il trattamento basato sulla fede. Nel 2011, l’Oregon ha eliminato tutte le esenzioni religiose sulla richiesta di cure mediche. In quello stato, membri di simili sette, come i genitori della 13enne Syble Rossiter, sono stati condannati per omicidio colposo per aver contato sull’efficacia della preghiera, invece che sui medici. La ragazzina, che soffriva di diabete a esordio giovanile, ha trovato una morte particolarmente orribile, una fine che si sarebbe potuta evitare se fosse stata somministrata l’insulina.

Ma appena oltre il confine, in Idaho, i genitori non possono temere alcuna accusa quando i loro bambini muoiono dopo una inefficace dose di preghiera. La negligenza di quello stato, dice esplicitamente “Child Protective Act”,  è che “nessun bambino il cui genitore o tutore opta per tale trattamento di preghiere come mezzo spirituale in sostituzione di trattamenti medici, può essere considerato solo per questo motivo, abbandonato o trascurato e carente di cure parentali necessarie per la sua salute e il suo benessere. “E’ a causa di tale disposizione, che i figli di genitori religiosi muoiono in massa. Almeno una dozzina in Idaho i bambini che sono deceduti negli ultimi quattro anni, dopo che i genitori hanno optato per la guarigione per fede piuttosto che per il trattamento medico, non uno di costoro è stato perseguito. In un cimitero della setta dei Seguaci di Cristo, il 35 per cento delle tombe sono di neonati o figli minorenni, fatto che implica un tasso di mortalità infantile tra gli adepti, di oltre dieci volte superiore che fra i residenti in Idaho nel suo complesso.

Lo stato dell’Idaho non sta facendo nulla per fermare la carneficina, perché, dopo tutto, i suoi legislatori erano quelli che approvarono la legge religiosa, l’esenzione nel 1972. Un tentativo di annullare la legge lo scorso anno non è riuscito: il portavoce della Idaho House non avrebbe nemmeno voluto che disegno di legge avesse un’ audizione. La nuova legislazione è in lavorazione, ma ha una remota possibilità di passare, così i bambini continueranno a morire con la conoscenza e la complicità dell’Idaho.

La repubblicana Christy Perry, una rappresentante per uno stato armato di pistola, è una dei molti legislatori dell’Idaho che si oppongono alla legge di riforma. Ha detto ad Al-Jazeera America che i membri dei Seguaci di Cristo “hanno una chiara comprensione di ciò che dovrebbe essere il ruolo del governo ” e che “non è di dirmi come vivere la mia vita”. Secondo il rapporto, Perry insiste che Seguaci di Cristo hanno diritto secondo il Primo Emendamento di negare l’assistenza medica ai loro figli per motivi religiosi, sostenendo che essi sono forse più confortati di fronte alla morte.

“I bambini muoiono”, ha detto Perry ad Al-Jazeera. “Non voglio sembrare insensibile, ma [i riformatori] vogliono agire come se la morte fosse un’anomalia. Ma non lo è: è uno stile di vita. ”

Questo è davvero insensibile. La morte non è uno “stile di vita”, ma la fine della vita. E la morte può spesso essere facilmente evitata, -in molti casi-, con cure mediche appropriate. Al contrario, non c’è semplicemente alcuna prova che è possibile curare il diabete o la leucemia, attraverso la preghiera, anche se l’Idaho permette al religioso di continuare a provarci. È la morte di una bambina come Syble Rossiter semplicemente uno “stile di vita” cui fare le spallucce? (cui non dare peso)?

Prematuro, una morte medicalmente prevenibile è certamente un’anomalia. Anche se si pensa, come probabilmente fa Perry, che i bambini morti troveranno la loro pace in cielo.

Perry ha continuato a chiamare gli adepti dei Seguaci di Cristo  persone “autosufficienti”, che “sanno come prendersi cura di se stessi.” Questo non è vero, ovviamente, e certamente non nel ventunesimo secolo. Non sanno come trattare un’infezione, non sanno come trattare il diabete, non sanno come trattare l’asma e non sanno come comportarsi con le complicazioni del parto.

Infine, Perry ha avuto il coraggio di accusare coloro che si oppongono alle esenzioni religiose di essere di parte contro i Seguaci di Cristo. Inoltre, ha aggiunto, lei è non è certa delle motivazioni di coloro che vogliono vedere rimosse le protezioni sulle fedi di guarigione.

“E ‘davvero perché questi bambini muoiono più di altri bambini? O questo è in realtà un voler attaccare una religione con cui non siete d’accordo? ”

Sì, è proprio perché questi bambini stanno morendo più di altri bambini. Dopo tutto, contro questo tipo di esenzione religiosa e le sue conseguenze, si rivoltano anche molte persone religiose. Le richieste di riforma non costituiscono un attacco alla religione in sé, ma un attacco ai comportamenti di una particolare religione – deliranti azioni  che si prendono la vita dei bambini troppo piccoli per poter assumere decisioni da soli. Come possiamo non attaccarli?

Oltre all’ Idaho, altri cinque stati (Arkansas, Iowa, Louisiana, Ohio e West Virginia) rendono immuni i genitori contro accuse in casi come quello di Rossiter. Ma anche se non si vive in uno di quegli stati, le probabilità sono che il vostro Stato abbia una legislazione simile,-gran parte di esse furono emanate dopo pesanti pressioni da parte di scienziati cristiani, che continuano a negare ai loro figli le cure mediche in tutto il paese. E ‘tempo di seguire l’esempio dell’Oregon.

Una versione di questo articolo apparso su WhyEvolutionIsTrue.

 

Nota sull’autore. Jerry A. Coyne è un professore di Ecologia ed Evoluzione all’Università di Chicago.

 

FONTE: NEW REPUBLIC

http://www.newrepublic.com/article/121187/idahos-christy-perry-defends-followers-christ-r

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...