Attacchi alla metropolitana di Tokyo: il Giappone ancora perplesso 20 anni dopo (Trad. ITA)

Libera traduzione a cura favisonlus dell’articolo “Tokyo subway attacks: Japan still baffled 20 years on” pubblicato ieri sul Daily Mail  e consultabile qui:

http://www.dailymail.co.uk/wires/afp/article-3002043/Tokyo-subway-attacks-Japan-baffled-20-years-on.html

Il Giappone si prepara a celebrare il 20 ° anniversario del fatale attacco con gas nervino nella metropolitana di Tokyo.

Gli esperti affermano che il terribile evento lascia a tutt’oggi più domande che risposte sulle motivazioni che hanno spinto agli omicidi.

Tredici persone sono morte e 6.000 rimaste intossicate per il rilascio del sarin da parte del culto apocalittico nazista  Aum Suprema Verità,  su cinque treni della metropolitana durante gli attacchi coordinati nelle ore di punta il 20 marzo 1995.

Nonostante una pletora di prove nel corso degli ultimi due decenni, che hanno condotto 13 persone, tra cui il leader della setta Shoko Asahara, nel braccio della morte, le ragioni che stanno dietro lo scioccante episodio rimangono poco chiare.

Particolarmente sconcertante è il fatto che i responsabili dei peggiori crimini della setta erano alcuni dei migliori e più brillanti medici e scienziati del Giappone, laureati presso le principali università del paese.

I processi di alto profilo avrebbero potuto essere “un’opportunità per il Giappone di condividere conoscenze con il mondo come combattere il terrorismo, attraverso la piena comprensione di quello che è successo con Aum”, ha detto Kimiaki Nishida, docente di psicologia sociale presso l’Università Rissho.

In un momento in cui il mondo è alle prese con l’ascesa dell’ estremismo, in particolare del sedicente Stato Islamico (IS) – che ha brutalmente giustiziato due ostaggi giapponesi quest’anno – capire esattamente cosa è successo e perché è più importante che mai. Vedo che  giovani oggi vi aspirano  (all’ IS) “, ha aggiunto il professoreNishida.

“Sono giovani alla ricerca di un luogo in cui possono sentirsi molto valorizzati, pensano di essere necessari, apprezzati e utili agli altri.”

Il cieco mistico

Il Giappone aveva visto come Aum era cresciuto e si era ampliato negli anni 1980 e 1990.

Il mistico Asahara mezzo cieco, ora 60enne, è stato ospitato in trasmissioni televisive, dove è stato trattato con un misto di stupore e curiosità.

La sua miscela di dogmi buddisti e hinduisti, generosamente cosparsa di visioni dell’Apocalisse, ha attirato più di 10.000 seguaci al suo apice.

I discepoli  dicevano che Asahara era un salvatore che avrebbe ripulito il mondo dai suoi peccati perché rotolava  verso la sua fine inevitabile.

Asahara era ossessionato dall’idea che i suoi nemici lo avrebbero attaccato e segretamente ordinò ai seguaci di produrre il sarin in quello che è stato poi scoperto essere un sofisticato laboratorio di armi chimiche.

In quello che alcuni credevano essere un tentativo di sviare le autorità che Asahara credeva fosse conclusivo nella sua base ai piedi del Monte Fuji,  il guru mandò cinque squadre di due persone per attaccare la metropolitana di Tokyo, utilizzata da milioni di pendolari

Cinque aderenti – tra cui un vecchio medico e molti fisici quotati – gettarono sacchetti di sarin nei treni affollati,  forandoli col puntale acuminato dell’ombrello, prima di essere condotti fuori da una stazione pre-determinata dai loro co-cospiratori.

Il gas nervino, così tossico che una sola goccia può uccidere una persona, evaporò nei minuti successivi in cui migliaia di pendolari inconsapevoli prendevano o lasciavano i treni.

Il personale e i passeggeri furono tra i morti. Molti degli intossicati realizzarono ciò che era accaduto solo quando i sintomi peggiorarono durante il giorno e i telegiornali iniziarono a trasmettere gli eventi.

– Mai sciolto–

Aum non è mai stato sciolto ufficialmente. Andò in bancarotta a causa dei massicci risarcimenti danni per le vittime dei suoi crimini.

Ex membri hanno continuato sotto diversi raggruppamenti con nuovi nomi, che ora contano complessivamente circa 1.650 persone.

Alcuni giustificano gli ordini criminali di Asahara come istruzioni per aiutare i suoi seguaci a raggiungere l’illuminazione, secondo la Security Intelligence Agency pubblica, che controlla le sette.

La sopravvivenza della setta, anche se strettamente sorvegliata e in una veste diversa, preoccupa le persone colpite dall’attacco 1995.

“I gruppi successivi sono ancora in funzione, e non si può dire quello che faranno i seguaci di Aum “, ha detto Shizue Takahashi, il cui marito lavoratore della metro è morto durante l’attacco.

Gli adepti che avevano effettuato l’attacco  col sarin sono tra i testimoni in quello che dovrebbe essere il processo  finale relativo all’attacco nella metropolitana, dopo l’arresto nel 2012 dell’ultimo latitante.

Ciò nonostante, questo propone più domande che risposte, ha detto Yuji Nakamura, un avvocato che ha trattato una serie di casi di Aum.

“Stiamo osservando i condannati a morte …”dice” davanti ai nostri occhi. Sono molto svegli e gentili. Alcuni di loro si comportano quasi come monaci “, ha osservato Nakamura.

Mentre il mondo guarda l’ultimo attacco omicida su un bersaglio facile – l’uccisione di 19 persone in un museo tunisino, almeno tre di loro sono giapponesi – comprendere che cosa rende le persone inclini a unirsi  a gruppi estremisti è sempre più importante, ha ribadito l’accademico Nishida.

“I membri della setta (Aum) non serbavano rancore verso le loro vittime. Piuttosto, hanno ucciso e hanno causato danni per quello in cui credevano ” ha detto.

“Gli ordini provenivano da una figura assolutista – il guru – , che ritenevano divino e infallibile. Pensavano che sarebbe stato sbagliato mettere in discussione ciò che Asahara ordinava “.

Quando  il capitolo legale finale si chiuderà e le condanne a morte saranno eseguite, il Giappone perderà l’occasione per spiegare che cosa spinge persone apparentemente normali a questi gesti estremi.

“Abbiamo le prove del perché hanno fatto questo? Abbiamo compreso appieno i cuori e le menti (dei seguaci)?  ha concluso Nishida.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...