Per non dimenticare. Quel 23 marzo 1997 in cui perirono altri 5 adepti dell’Ordine del Tempio Solare

23 marzo 1997 -23 agosto 2015

 

Dall’archivio del Corriere della Sera:

 

TORNANO I MACABRI RITI DELL’ ” ORDINE ” ESOTERICO. GLI INVESTIGATORI: CI SONO LE LETTERE, SEMBRA UN SUICIDIO DI GRUPPO

Quebec, orrore al Tempio Solare

Mistero in Canada, altri 5 adepti della setta morti in un incendio

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE NEW YORK

I folli adepti del “Tempio Solare” tornano a seminare paura e morte. I cadaveri carbonizzati di cinque suoi fedelissimi sono stati rinvenuti sabato sera dalla polizia canadese nella casa di uno di loro. Teatro del nuovo “suicidio di massa” e’ Saint Casimir, un villaggio di 2 mila anime a 60 chilometri da Quebec City, la capitale dell’omonima provincia autonoma abitata da francesi di seconda e terza generazione. Allertati da un passante insospettito dalle fiamme che uscivano dal casolare tra il verde, i pompieri vi hanno fatto irruzione, recuperando i corpi ormai senza vita di tre donne e due uomini. Piu’ in la’, dentro un granaio accanto alla casa, sono emersi tre ragazzini dai 13 ai 15 anni, tremanti e in stato di choc. “Stiamo accertando se fossero in preda a stupefacenti”, ha commentato il portavoce della polizia locale, Pierre Robichaud. Torna dunque agli onori della cronaca la macabra setta esoterica fondata in Svizzera da Joseph Di Mambro e Luc Jouret, che si proclama discendente dell’Ordine Rinnovato del Tempio (Ort) e rivendica, adattandole al mondo attuale, le pratiche dell'”Ordine dei Templari”. Il suo misticismo paranoico e catastrofico sull’imminente fine del mondo aveva gia’ provocato 69 suicidi fino ad oggi. Cinque (incluso un neonato) in Quebec nel 1994; 25 a Salvan, nel Vallese svizzero; 23 a Cheiry, vicino a Friburgo, ancora nell’ottobre del 1994 e 16 a Grenoble, nelle Alpi francesi nel dicembre del 1995. Anche in quei casi il rituale suicida era stato preceduto dall’incendio delle abitazioni dove i membri dell'”Ordine del Tempio Solare” si erano riuniti per l’estremo saluto. E come allora, anche quest’ultimo massacro segue la logica perversa degli eventi astronomici, cui la setta attribuisce un’enorme importanza. “Non e’ un caso che si sia consumato a cavallo tra la notte di sabato e domenica, in concomitanza all’equinozio estivo”, affermano gli investigatori che hanno anche trovato alcune lettere lasciate dalle vittime nelle quali sarebbe indicata la loro intenzione di suicidarsi. Resta ancora avvolta nel mistero l’identita’ delle vittime anche se il sindaco di Saint Casimir, Louise Douville, ha dichiarato che la casa apparteneva a Didier Queze, un cittadino svizzero residente nella zona da tre anni. “Viveva nel casolare con la moglie e tre figli – spiega la Douville – era proprietario di un panificio in un altro villaggio qui vicino”. Le autorita’ erano al corrente fin dall’inizio che la coppia apparteneva al “Tempio Solare” ma non l’avevano mai tenuta sotto osservazione. “Erano buoni cittadini e pagavano regolarmente le tasse – si giustifica la Douville – non ci hanno mai dato alcuno motivo per intervenire”. Adesso la polizia del Quebec ha lanciato un appello ai colleghi in Svizzera, Belgio e Francia, per evitare che il suicidio di Saint Casimir venga emulato in quei Paesi. La polizia svizzera ha annunciato di aver preso “misure preventive straordinarie” nei vari cantoni, tra cui Vaud, Ginevra e Friburgo, dove risiedono i membri dell’Ordine. Ma secondo gli esperti e’ solo questione di tempo prima che la setta torni a colpire ancora. Nel 1994 l’Ordine contava oltre 400 adepti in Europa e un centinaio nel Quebec. Ma oggi quel numero sarebbe molto piu’ alto. “Sappiamo che la setta si e’ ricostituita e che i suoi gruppi si riuniscono regolarmente” – punta il dito Janine Tavernier, presidente dell’Unione francese delle Associazioni per la difesa dell’individuo e della famiglia, secondo cui il lassismo delle autorita’ nei Paesi francofoni avrebbe favorito la nuova tragedia. “Senza coraggio e reale volontà politica – mette in guardia – un’altro suicidio collettivo, forse ancora piu’ devastante, e’ solo dietro l’angolo”.

SEGRETI E MASSACRI Una scia di sangue lunga tre anni L’ordine del Tempio Solare, “Ots”, e’ un’organizzazione esoterica che coltiva una mistica da “fine del mondo”. * Le regole. L'”Ots” si richiama al medioevale ordine dei Templari, il cui ultimo Gran Maestro, Jacques de Molay, mori’ sul rogo in Francia nel 1312. Come per tutti i gruppi esoterici, la regola del silenzio e’ assoluta. Totale l’obbedienza al Gran Maestro. Riti magici si svolgono con la luna piena. Gli iniziati ricevono rivelazioni di Maestri invisibili residenti su Proxima, il futuro pianeta della setta. * Le stragi. La prima avvenne in Svizzera, in due chalet, a Salvan e a Cheiry. Nella notte tra il 4 e il 5 ottobre 1994 furono trovati i corpi di 48 persone. Lo stesso giorno, un incendio distrusse una casa a Morin Heights, in Canada, nella quale furono poi rivenuti i cadaveri di 5 persone. In totale i seguaci morti furono 53. Gli inquirenti parlano prima di suicidio collettivo di una setta, poi avanzano il sospetto che si tratti di omicidio collettivo. Fra i corpi di Salvan, vengono identificati Joseph Di Mambro, considerato il “Papa”, e cassiere, della setta, e Luc Jouret, il fondatore. Le vittime sono svizzere, francesi, canadesi, belghe: ci sono anche 7 bambini. Il 23 dicembre ’95, nel Vercors, in Francia, sono rinvenuti i corpi di 16 membri. Ieri le ultime cinque. * Le ricostruzioni. Due volumi hanno tentato di far luce sui misteri dell'”Ots”. In Francia, nel libro “I cavalieri della morte”, i giornalisti Bernard Nicolas e Arnaud Bedat arrivano alla conclusione che i membri morti nei massacri, sono stati vittime dei segreti di cui erano a conoscenza e non di un suicidio collettivo: “segreti” circa le cifre da capogiro che la setta faceva viaggiare da un capo all’altro del mondo e di cui non e’ rimasta traccia, ma anche i rapporti dell'”Ots” con “una internazionale settaria di estrema destra”. Secondo i due autori, poi, all’epoca in cui la Cia combatteva l’Urss, “questi gruppi occulti servivano da basi arretrate”. Il secondo libro e’ dello storico svizzero Jean – Frangois Mayer, specialista di sette e unico esperto “esterno” chiamato a partecipare alle inchieste. “Les mythes du Temple solaire” spiega molti aspetti dell'”Ots” ma circa i massacri sostiene che alcuni elementi del puzzle restano ancora ignoti.

Farkas Alessandra

Pagina 9 CORRIERE DELLA SERA
(24 marzo 1997)

http://archiviostorico.corriere.it/1997/marzo/24/Quebec_orrore_Tempio_Solare_co_0_97032412759.shtml

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...