Feste e “minestrone” new age per curare da tutti i mali. A processo per abuso di debolezza una terapeuta francese con titolo non riconosciuto

25 Marzo 2015

Libera traduzione a cura favisonlus dell’articoloDax : une psychopraticienne jugée pour abus de faiblesse“, consultabile qui

http://www.sudouest.fr/2015/03/25/rupture-de-reseau-chez-la-psychopraticienne-1869916-3327.php

 

FRANCIA- Dax

La”psico-praticona” a processo per abuso di debolezza

 

di Benjamin Ferret

Tre dei suoi vecchi clienti hanno testimoniato lunedì in tribunale per “abuso di debolezza”. Il reato si sarebbe consumato nel suo studio d’Anglet e Capbreton, o durante le sedute di formazione.

Nemmeno per un secondo delle sei ore di durata dei dibattiti, Elizabeth Saccucci ha perso l’immagine materna che trabocca da questa operatrice psicologica. Così come quell’occhiolino e quel sorriso confortante, indirizzati ai cinque parenti venuti a sostenerla durante la sua audizione di fronte al tribunale penale di Dax, terminata alle 23: 30 di lunedi, sotto le luci smorte dell’aula di udienza .

 

Quanti “terapizzati”, come li chiama la ​​convenuta, hanno fatto appello ai suoi metodi e alle sue parole, capaci di guarire tutti i mali?

Sessantenne, vestita di un lungo mantello nero che le dà un’aria maestosa dinnanzi alla giustizia, ha aperto da dodici anni i suoi ambulatori di Anglet e Capbreton. Mentre i suoi siti web rimangono attivi, tre dei suoi ex clienti – diventati membri della “rete”, nella semplicità della loro sofferenza – sono stati in grado di rivelare accuratamente terapie e metodi di Elizabeth Saccucci, degni del reato di abuso di debolezza. Altri la chiamano ancora “mamma”.

In possesso del voluminoso fascicolo redatto dalla polizia giudiziaria in Bayonne, Benoît Giraud, presidente del tribunale, ha dato loro la parola per primi. «Mi ha dato a intendere che la sua terapia poteva curare la mia ipertensione e il colesterolo per il quale sono sotto cura da vent’ anni. Secondo lei, era correlata alla ‘rabbia’ e alla mancanza di gioia di vivere che avrei dentro me “, ha rivelato  Christelle.

Sessioni di gruppo e feste. 

Dalle sedute individuali “con tariffa speciale se pagate in contanti”, Christelle era passata alle sessioni di formazione. In quel contesto aveva incontrato due uomini entrambi di nome Frederick. “Uscivo da un forte stress. Quando ci siamo ritrovati in una quindicina in un locale di 25 metri quadrati, mi è sembrato strano. Ma a quel tempo, continuavo a essere convinta che avrebbe potuto funzionare », ha proseguito la testimone nel suo racconto

Proprio come lei, il secondo Federico era convinto che quelle sere in cui bisognava addirittura”portare da bere” da Elizabeth Saccucci, gli avrebbero permesso di mettere fine al suo alcolismo, “Mi sono ritrovato isolato dalla mia famiglia, ho rischiato di morire per la mia dipendenza. ” Ha ” riso a denti stretti “quando la sua psico-praticante gli ha dato un regalo di Natale, una targa ‘Place Pastaga’ (*)

Derive settarie?

Queste “testimonianze eloquenti”, secondo il vice procuratore, hanno permesso a Julie Gaston di presentare delle requisitorie in cui emerge il problema delle aberrazioni settarie. “L’ Om tibetano all’inizio della seduta, le medaglie miracolose, gli abbracci da farsi fra i “terapizzati”, tutto questo sembra un gran minestrone”.

Elizabeth Saccucci ha dichiarato di avere un problema di udito così da ritardare le risposte. Si è trincerata dietro il suo diploma e la frase “questo metodo l’ho appreso così”. Il procuratore aggiunto Julie Gaston è diventato più preciso citando alcune caratteristiche attinte dall’elenco stilato dalla Miviludes, l’organismo interparlamentare di contrasto alle derive settarie: “rottura con l’ambiente di origine, esistenza di attentato all’integrità fisica, discorsi antisociali”

L’Avv. Stéphane Guitard, difensore dell’imputata, sembrava delusa per aver perso il treno per Bordeaux durante la sua richiesta di sospensione, iniziata in effetti all’avvicinarsi delle 23,00. “Nonostante le loro sofferenze, che non sono necessariamente legate alla loro psico-terapeuta, le somme richieste non sono giustificate ».

Le tre parti civili hanno chiesto un totale di 331.125 € a titolo di indennizzo. Due di loro hanno lasciato il lavoro durante le terapie e tutti hanno visto la loro vita andare in frantumi  durante il rapporto con Elizabeth Saccucci, durato dai tre a sei anni, a seconda delle persone. In aggiunta a tale indennizzo e al divieto di entrare in contatto con le vittime, l’accusa ha chiesto la sospensione condizionale della pena di diciotto mesi di reclusione, con un periodo di prova di due anni.

La praticante dal titolo non riconosciuto dallo Stato non dovrebbe poter più esercitare anche in seguito alle decisioni che verranno prese il giorno 11 Maggio.

 

FONTE: SUDOUEST

http://www.sudouest.fr/2015/03/25/rupture-de-reseau-chez-la-psychopraticienne-1869916-3327.php

 

NOTA: * Pastaga è un derivato da pastis, un aperitivo alcolico profumato all’anice ad alta gradazione alcolica, tipico della Francia. Ne esistono versioni analcoliche.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...