Giallo sulla morte di don Lanfranco Rossi della controversa comunità “I Ricostruttori nella preghiera”. Sopralluoghi dei RIS anche nelle stanze dei religiosi.

22 Aprile 2015

Padre Gian Vittorio Cappelletto, gesuita fondatore del movimento Ricostruttori nella Preghiera

E’ un giallo soltanto all’inizio quello che concerne il presunto omicidio di Padre Lanfranco Rossi, il sessantenne teologo e docente di spiritualità alla Pontificia Università Gregoriana, appartenente al movimento I Ricostruttori nella preghiera, deceduto in circostanze misteriose nella notte dell’11 aprile scorso. Un movimento controverso quello dei Ricostruttori, su cui s’addensano molti dubbi e ombre che gli investigatori stanno cercando di dissipare. Scrive al riguardo Il Corriere della Sera (Roma) in un articolo del 20 aprile ” …ci sono altri aspetti che gli investigatori dell’arma vogliono chiarire. E potrebbero essere legati all’attività di preghiera nel centro vicino Zagarolo, a una cinquantina di chilometri da Roma. Una struttura che ha attirato decine di fedeli, ospiti delle sedute di meditazione orientale, di corsi yoga e di pratiche proprie dell’induismo che in passato erano state criticate da alcuni ambienti ecclesiastici. A gettare ombre sui Ricostruttori – come testimoniano le cronache e anche alcuni forum sulla Rete – era stata soprattutto la vicenda dell’arresto e della condanna nel 2008 per pedofilia (una trentina i casi accertati) di don Pierangelo Bertagna, ex abate di Farneta, in provincia di Arezzo. Allora si parlò anche di genitori preoccupati per i figli plagiati in alcuni dei centri della comunità sparsi in tutta Italia. Fino a questo momento collegamenti fra quelle vicende e il dramma di San Feliciano non sarebbero emersi. E secondo Roberto Rondanina, responsabile generale dei Ricostruttori, non ci sono misteri: padre Lanfranco è morto «per un’insufficienza cardio respiratoria» e le notizie su una presunta morte violenta «sono prive di fondamento e gravemente offensive» per il sacerdote. Il vescovo della diocesi di Palestrina, monsignor Domenico Sigalini, non sembra dello stesso avviso e parla invece di «morte drammatica, inaspettata, in quel luogo di preghiera e raccoglimento».

Intanto, dopo che il medico legale ha scoperto con l’autopsia tracce di soffocamento e lesioni non mortali alla testa e al petto di padre Lanfranco Rossi, i religiosi che hanno dato l’allarme sono stati interrogati dai carabinieri coordinati dalla Procura di Tivoli e tutta la struttura di San Feliciano sottoposta a sequestro. I RIS hanno svolto alcuni sopralluoghi sul terreno ma anche negli alloggi dei religiosi e tra le le ipotesi che circolano, scrive ancora Rinaldo Frignani per il Corriere della Sera “ non si esclude quella di un’aggressione durante un tentativo di rapina – il sacerdote potrebbe aver scoperto degli intrusi nella proprietà – ma anche di un delitto commesso da persone che il professore conosceva bene. Così si spiegherebbe l’apparente mancanza di reazioni da parte della vittima che, a parte i segni di soffocamento e le ferite superficiali, non avrebbe altre tracce di violenza. Ipotesi, come detto, che attendono conferme anche dagli interrogatori che continuano nella caserma dei carabinieri con gli accertamenti tecnici e tossicologici 

In data 19 il  Responsabile Generale del movimento, padre Roberto Rondanina ha emesso un nuovo comunicato stampa in cui sembra aver abbandonato la certezza iniziale sulla causa della morte del sacerdote.

Ecco il testo del suo aggiornamento:

“La morte di padre Lanfranco ci ha trovati solidali nel dolore, ma anche nella preghiera e nella consolazione che da essa nasce.
Le prime notizie ufficiali riferiscono esclusivamente di un politraumatismo che ha interessato la parte superiore del corpo, sopratutto le zone encefalica e toracica. Alcune indiscrezioni giornalistiche, non confermate, accennano a lesioni interne del collo. Questi dati sono coerenti con situazioni fra loro anche molto diverse e in questo momento le autorità inquirenti, doverosamente, non escludono nessuna opzione, dall’incidente all’aggressione esterna.
Seguiremo con la massima attenzione ogni successivo sviluppo e terremo informati con chiarezza e, per quanto possibile, con puntualità”

Tutti comunicati stampa ufficiali sono consultabili sul sito internet del movimento religioso dei Ricostruttori nella preghiera, al seguente link

http://www.iricostruttori.com/

L’articolo de Il Corriere della Sera (Roma) è consultabile qui:

http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/15_aprile_20/zagarolo-giallo-morte-teologo-segni-soffocamento-0f6b671a-e71d-11e4-95de-75f89e715407.shtml

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...