Caso Forteto. La parola agli avvocati delle vittime. “Ragazzi vittime di una setta criminale e perversa” e i vertici del Forteto “falsari di anime”

Maggio 2015

Estratto dall’articolo “Forteto: parti civili chiedono 20 milioni di danni” a firma di Massimo Mugnaini pubblicato da Repubblica (Firenze) il 19 maggio 2015 e consultabile qui:

http://firenze.repubblica.it/cronaca/2015/05/19/news/forteto_parti_civili_chiedono_20_milioni_di_danni-114775474/

“Il Forteto era una casa famiglia spazzatura in cui venivano buttati i minori, perché faceva comodo così, senza che i suoi membri avessero alcuna competenza specifica sull’argomento. Questi giovani hanno subìto un furto di identità e di vita – ha detto l’avvocato Coffari – e il risarcimento danni ha in questo caso una funzione etica: serve a ridare speranza a ragazzi che grazie al loro coraggio hanno svolto un prezioso servizio civile nei confronti della società”. Ragazzi che, secondo il legale, sarebbero rimasti prigionieri di “una vera e propria setta criminale e perversa, come dimostrano alcuni indicatori: la negazione dell’autodeterminazione, l’uso di tecniche manipolatorie, il controllo ossessivo dei membri, la pretesa dell’affidamento sine die, l’impermeabilità all’esterno, la violazione dei diritti umani”. “Inizialmente dicevo a queste giovani vittime che venivano nel mio studio: siete pazzi a sfidare questa falsa rappresentazione della realtà che il Forteto ha offerto per 30 anni al territorio toscano.. oggi dico che bisogna scriverla, questa storia – ha concluso – affinché non si ripeta”.
Per l’avvocato Marchese, che ha parlato dei vertici del Forteto come di “falsari di anime”, invece “la storia era già stata scritta, peccato che nessuno l’abbia voluta leggere: così si è ripetuta, purtroppo. Ma gli imputati di oggi non dovevano essere qui”. Il riferimento è alle due sentenze di condanna già emesse nei confronti di Fiesoli: quella del Tribunale di Firenze del 1985 e quella della Corte Europea del 2000. “E’ una vicenda scellerata: basti pensare che il ‘profeta’ girava per il tribunale dei Minori facendola da padrone” ha aggiunto il legale. E se per l’avvocato Garbatini “al Forteto si è assistito per 30 anni a una brutale violazione dei diritti umani fondamentali”, per la collega Londi tuttavia “è finalmente emersa la verità storica sul Forteto, seppure anche questa volta qualcuno sperava che non si sarebbe arrivati da nessuna parte e che il sistema avrebbe nuovamente vinto”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...