Dal verbale di una supertestimone, la storia della santona mummificata di Borgo San Dalmazzo e dei familiari e seguaci che ne attendevano la resurrezione.

2 Giugno 2015

La vera storia della mummia: “Aspettavamo che risorgesse”

Morta nel 1996, trovata nel 2013 a Borgo in casa di un’amica. Verbali e racconti

MATTEO BORGETTO

«A un tratto Gresi ha perso le forze, ha chinato la testa indietro e ci siamo accorti che non respirava più. Era come un bambino che si addormenta e per noi era iniziata la trasfigurazione voluta da Gesù, come da lui vissuta. Anche Gresi, quando era ancora viva, ci aveva detto che sarebbe successo». Eccolo il verbale della supertestimone che ha assistito alla morte di Graziella Giraudo, «santona» di Borgo S. Dalmazzo trovata mummificata la sera del 27 ottobre 2013 in una stanza dell’abitazione condivisa con la con-suocera, Rosa Giraudo, il giorno dopo i funerali di quest’ultima.

A leggere la testimonianza choc, sabato sera nel Castello di Morozzo, il direttore del Dipartimento di Anatomia patologica dell’Asl Cn1, Mario Abrate, medico legale e relatore al convegno «La Mummia di Borgo. Ultimo atto d’amore», organizzato da Polisportiva Libertas e biblioteca Bramardo. Per la prima volta un centinaio di persone hanno visto anche le foto della «mummia», dell’autopsia e delle analisi al microscopio svolte dall’équipe di nove esperti (coordinati da Abrate), che hanno datato la morte della Giraudo tra il 26 e il 27 aprile del 1996. Cioè quando la donna aveva 51 anni, da uno si era separata dal marito ed era andata a vivere con Rosa in via Pedona a Borgo. Qui le consuocere guidavano un ristretto gruppo di preghiera che ha seguito e si è preso cura della «santona» («Gresi» per gli amici) quando le sue condizioni di salute sono diventate critiche, a causa di gravi scompensi cardiaci. Alcuni di loro, oltre a Rosa, l’hanno vista morire. Tra questi la supertestimone, che non risulta coinvolta nel processo in cui sono imputati 5 parenti di Graziella (per occultamento di cadavere) e altre 3 persone (per favoreggiamento).

«Il genero piangeva»

«Posso dire con certezza – continua la testimonianza della donna – che era il giorno o quello successivo in cui venne a mancare il papà di Gresi (di qui la datazione al 26-27 aprile 1996, suffragata dai risultati dell’autopsia, ndr). Ero andata a casa di Rosalba (Rosa, ndr), poiché ero stata avvertita che Gresi stava male: aveva saputo del padre. Era seduta in un letto senza sbarre, nella prima stanza a sinistra entrando in casa». Il luogo del ritrovamento. «Ci siamo rese conto – prosegue – di quello che stava succedendo ed eravamo anche spaventate. Quasi immediatamente Rosalba ha chiamato il figlio Valerio. Ricordo che piangeva come un bambino, però non voleva raccontare alla fidanzata Dianora cosa fosse successo». Il particolare smentirebbe Valerio, marito di Dianora (abitano nell’alloggio di fianco a quello del ritrovamento della salma mummificata) e genero di Graziella. Con gli altri imputati ha sempre dichiarato la completa estraneità ai fatti e di non aver notizie della suocera da almeno 17 anni.

«Mamma era una santona»

Che Graziella fosse una «guaritrice» lo sostengono sia Valerio, sia Dianora. «Fin da quando ero piccola – ha testimoniato la figlia -, mia madre ha sempre avuto un dono particolare. Molta gente, anche da Roma, veniva da lei per consulti e consigli, perché era una sorta di santona». Lo ritenevano i «seguaci» del gruppo di preghiera, che avevano anche un diario degli incontri.

«Non era solo morta»

«Sapevamo di non essere di fronte a una semplice persona morta. Dio voleva così – conclude la supertestimone -. Penso che i famigliari più stretti abbiano aspettato a seppellire il corpo, convinti che avrebbe potuto intervenire una resurrezione. Che non è intervenuta perché i famigliari non le sono stati abbastanza vicini».

Mummificazione naturale

Dopo la morte di Graziella, la consuocera e forse qualcun altro si sono presi cura della salma favorendone la mummificazione naturale. Che è avvenuta su una sedia (da qui la posizione della salma, come una persona che si addormenta seduta), senza asportazione di viscere, ma solo con l’utilizzo di olii, unguenti e materiale antiossidante. «Processo in ambiente chiuso, protetto e riparato – ha spiegato Abrate – che ha impedito agli insetti di raggiungere e rovinare le spoglie. Uno stesso tipo di larve è stato ritrovato sia sul corpo di Graziella, sia nella cantina della casa, dove la salma era stata trasferita nella primavera 2013, quando Rosa seppe di avere un tumore e smise di occuparsi della consuocera». Resta il mistero su chi l’abbia poi riportata nella stanza al piano di sopra. «Ma se anche si è trattato di occultamento di cadavere – ha concluso Abrate – è avvenuto perché le volevano bene. L’ultimo atto d’amore».

Su La Stampa Cuneo di martedì 2 giugno.

 

FONTE: LA STAMPA

http://www.lastampa.it/2015/06/02/edizioni/cuneo/la-vera-storia-della-mummia-aspettavamo-che-risorgesse-fbCzyF0fikpmqVz8LmgSOM/pagina.html

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...