INDIA – QUANDO LA SUPERSTIZIONE UCCIDE. Donne torturate a morte ed è caccia alla guaritrice che incita la folla alla “caccia delle streghe”

9 Agosto 2015

Caccia alle streghe in India, polizia cerca presunta sobillatrice

Cinque donne sono state torturate e uccise con accusa stregoneria

 

La polizia indiana ha iniziato una caccia per catturare una donna descritta come “guaritrice del villaggio” che è sospettata di aver incitato la caccia alle streghe nella quale cinque donne sono state picchiate a morte.

La donna, secondo quanto ha riferito la polizia, avrebbe acceso gli animi della folla accusando le cinque donne delle recenti morti nel villaggio di Kanjia, nello stato Jharjhand, 30 km alla capitale dello stato di Ranchi.

“E’ la guaritrice del villaggio e ora si sta nascondendo. E’ stata lei a dire ai residenti che quelle cinque usavano la magia nera e avevano causato la morte dei bambini”, ha detto il vicecapo della polizia di Ranchi Arun Kumar Shing. “Lei – ha continuato – ha prodotto tutto questo. Noi la stiamo cercando e l’arresteremo per omicidio”. Kumar ha inoltre comunicato che altre tre persone sono state fermate nella notte, portando a 27 gli arresti per la vicenda.

Le cinque donne, venerdì, sono state trascinate all’aperto dalle loro case per i capelli, sono state picchiate con bastoni, torturate con coltelli e lapidate attorno alla mezzanotte di venerdì. La folla inferocita le accusava di aver portato malattie e sfortuna al villaggio con opere di stregoneria.

La polizia afferma che la guaritrice ha fatto un lavaggio del cervello ai residenti sulle donne, sostenendo che queste “usavano formule magiche”. A far precipitare le cose è stata la morte di un ragazzo di 17 anni malato, la scorsa settimana.

 

FONTE: asknews

http://www.askanews.it/esteri/caccia-alle-streghe-in-india-polizia-cerca-presunta-sobillatrice_711579854.htm

 

India, picchiate a morte cinque donne accusate di essere “streghe”

La superstizione è molto diffusa nelle aree rurali. Ventiquattro persone, tra i 45 e i 50 anni, sono state arrestate

8 agosto 2015 NUOVA DELHI – Cinque donne sono state uccise a botte a Mandar, a circa 40 chilometri da Ranchi, il capoluogo dello stato tribale del Jharkhand. Sono morte perché accusate di praticare la stregoneria. L’ha riferito oggi la polizia. I corpi delle vittime, appartenenti a diverse famiglie, sono stati prelevati dagli investigatori e inviati a Ranchi per l’autopsia. Ventiquattro persone, tra i 45 e i 50 anni, sono state arrestate

“Un gruppo di abitanti del villaggio ha trascinato le donne fuori dalle loro case e le ha picchiate a morte con mazze, accusandole di praticare la stregoneria, magia nera e malocchio”, ha affermato Arun Kumar Singh, vicecapo della polizia di Ranchi. “La gente del posto – ha detto – ritiene che erano coinvolte in alcuni rituali di magia nera o di malocchio contro alcuni residenti”.

Nelle aree più povere dell’India resta diffusa la superstizione. In alcuni casi donne sono state costrette a spogliarsi e sono state picchiate, bruciate vive, uccise. Alcuni stati, tra i quali Jahrkhand, hanno adottato leggi speciali per cercare di fermare questo tipo di crimini.

L’ultimo episodio di questo genere in India risale a fine luglio quando una donna sospettata di praticare la ‘magia nera’ è stata decapitata nello stato orientale dell’Assam. La polizia ha arrestato sette uomini del suo villaggio che le avrebbero mozzato la testa con un machete dopo averla trascinata fuori di casa.

 

FONTE: LA REPUBBLICA

http://www.repubblica.it/esteri/2015/08/08/news/india_streghe_uccise-120633890/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...