Arrestato nel corso di un’operazione antidroga noto santone italiano

11 Settembre 2015

Cerca di ipnotizzare i carabinieri: arrestato noto guru

Il santone, lunghissimi capelli raccolti sulla nota, barba fluente e tunica arancione, è stato arrestato nel corso di una attività antidroga all’interno della sua abitazione in via Oreste Ranelletti dove i militari della compagnia di Ostia hanno rinvenuto 9 piante di cannabis, sequestrando oltre mille grammi di marijuana

Ponte Galeria – E’ stato processato questa mattina nelle aule del tribunale di Roma A.P., 64 anni, italiano, già noto alle forze dell’ordine per precedenti con la giustizia. L’uomo, un ex commercialista romano, conosciuto come guru induista, un santone scalzo dai lunghissimi capelli rasta raccolti sulla nuca, barba bianca e tunica arancione è stato arrestato ieri nel corso di una attività antidroga dai carabinieri della stazione di Ponte Galeria con l’accusa di detenzione e coltivazione di sostanze stupefacenti. Per cercare di ‘distogliere’ l’attenzione degli uomini dell’Arma il 64enne ha cercato di ipnotizzarli.

Nella sua abitazione in via Oreste Ranelletti, i militari agli ordini del comandante della compagnia di Ostia, maggiore Sebastiano Arena, hanno rinvenuto 9 piante di marijuana per oltre mille grammi di ‘erba’ e altri 5 grammi della stessa sostanza essiccata pronta per essere confezionata. A.P. è diventato in India il sacerdote cui i fedeli baciano i piedi e offrono ospitalità e in Italia il creatore dell’unico tempio indù esistente, che il guru ha voluto dedicare alla dea Kalì. L’abitazione si trova nella zona di Casal Lumbroso, a pochi minuti dal raccordo. Ad accogliere i fedeli all’ingresso del tempio dedicato a Kali e Shiva, il Kalimandir, c’è il simbolo dell’Om, la sillaba sacra indù. E’ qui che si è stabilito il maestro, del quale e sul quale – note biografiche ed altro – sono disponibili abbondanti informazioni in rete.

Baba Yogi Krishnanath, come è stato ribattezzato in India, si sarebbe stabilito qui, su un terreno del padre, oltre trent’anni fa. Diverse volte i carabinieri sono stati al tempio e la legge italiana si è scontrata con la legge divina ma alla fine, almeno fino a ieri, il Baba è rimasto lì. Secondo quello che riferiscono alcuni fedeli ogni giorno molte persone, in particolare indiani e nepalesi ma anche italiani convertiti, si recano al tempio per versare il latte sul Lingam, il simbolo fallico che rappresenta Shiva, o per il Satsang, la conversazione con il Guru. La divinità è inondata di offerte: frutta, cibo, monete, incenso mentre le campane suonano. In occasione di eventi religiosi il tempio diventa il luogo d’incontro per i fedeli che si riuniscono per pregare, ballare, cantare e pranzare insieme.

di Maria Grazia Stella

FONTE: OSTIA TV

http://www.ostiatv.it/cerca-di-ipnotizzare-i-carabinieri-arrestato-noto-guru-0067708.html

Beccato con oltre un chilo d’erba, guru tenta l’ipnosi sui carabinieri

L’uomo, 64 anni, italiano, era già noto alle forze dell’ordine per precedenti con la giustizia. Ex commercialista era diventato un importante guru induista

Processato oggi per direttissima per detenzione e coltivazione di sostante stupefacenti. Nulla di strano se non fosse che ad aggravare la sua posizione c’è anche il fatto che ieri, quando è stato sopreso dai Carabinieri, ha cercato di ipnotizzarli.

Questa mattina nelle aule del tribunale di Roma è arrivato A.P., italiano, 64 anni, unsantone scalzo dai lunghissimi capelli rasta raccolti sulla nuca, barba bianca e tunica arancione.

Nella sua abitazione i militari hanno rinvenuto nove piante di marijuana, per oltre un chilo di erba, e altri 5 grammi della stessa sostanza essiccata pronta per essere confezionata.

A.P. è diventato in India il sacerdote cui i fedeli baciano i piedi e offrono ospitalità e in Italia è il creatore dell’unico tempio indù esistente. L’abitazione si trova nella zona di Casal Lumbroso, a pochi minuti dal raccordo.

Ad accogliere i fedeli all’ingresso del tempio dedicato a Kali e Shiva, il Kalimandir, c’è il simbolo dell’Om, la sillaba sacra indù.

All’arrivo dei militari nella casa/tempio, il santone con voce alterata ha gridato “Voi non sapete chi sono io”, fissandoli con lo sguardo e cimentandosi in un vano tentativo di ipnosi che non lo ha salvato dall’occhio vigile della giustizia.

 

FONTE: IL GIORNALE

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/beccato-oltre-chilo-derba-santone-romano-tenta-lipnosi-sui-c-1169696.html

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...