Prima riunione della commissione d’inchiesta “Forteto bis”. Definito il programma di massima

22 Settembre 2015

Al via la commissione d’inchiesta “Forteto bis”

Paolo Bambagioni

 

Commissione inchiesta responsabilità politiche e istituzionali vicenda Forteto

Commissione d’inchiesta finalizzata alla individuazione e analisi delle responsabilità politiche e istituzionali relative alla vicenda il Forteto

 

Composizione

Ufficio di presidenza
Bambagioni Paolo – Presidente 
Donzelli Giovanni
 – Vicepresidente
Quartini Andrea – Vicepresidente Segretario

Componenti
Alberti Jacopo

Mugnai Stefano

Sarti Paolo

Inchiesta sul Forteto: definito il programma di massima

Il presidente Paolo Bambagioni: “E’ un compito delicato, ma ci muoveremo con determinazione, senza coinvolgere chi era in buona fede”

Firenze – In un clima di grande collaborazione, nella sua prima riunione dopo l’insediamento, la Commissione d’inchiesta sulle responsabilità politiche ed istituzionali nella vicenda del Forteto ha definito oggi il programma di massima dei propri lavori.La proposta del presidente Paolo Bambagioni (Pd) è stata accolta ed integrata dal vicepresidente Giovanni Donzelli (FdI) e dal vicepresidente segretario Andrea Quartini (M5S). Numerosi i suggerimenti degli altri consiglieri Stefano Mugnai (FI), Jacopo Alberti (LN), Paolo Sarti (Si).La commissione lavorerà essenzialmente intorno a due capisaldi: la relazione finale sulla vicenda approvata all’unanimità dal Consiglio regionale nella scorsa legislatura e la recente sentenza del tribunale di Firenze, che ha condannato Rodolfo Fiesoli e quindici suoi adepti.L’obbiettivo è individuare le responsabilità politiche sul riaccreditamento della struttura negli anni successivi alla prima sentenza, ma anche le responsabilità dei magistrati che facevano gli affidamenti dei ragazzi, negli anni oltre cinquantacinque. Infine sarannno analizzate le responsabilità del settore sociosanitario, che non ha garantito un controllo adeguato, né sulla struttura, né sulla permanenza dei minori al suo interno.La commissione ha inoltre deciso di approfondire i rapporti tra le tre realtà associative, in cui il Forteto era formalmente diviso: la cooperativa, l’associazione, la fondazione.“E’ un compito delicato – ha commentato il presidente Paolo Bambagioni – rispetto al quale ci muoveremo con determinazione per individuare i complici di Rodolfo Fiesoli, evitando però di coinvolgere le tante persone che, a vario titolo, sono state da lui coinvolte, ma che erano in perfetta buona fede”. (dp)

 

FONTE: Consiglio Regione Toscana

http://www.consiglio.regione.toscana.it/ufficio-stampa/comunicati/comunicati_view.aspx?idc=0&id=21194

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...