Mosca pronta a lanciare un programma informativo-preventivo sui culti distruttivi

28 Settembre 2015

UN MEMORANDUM INFORMATIVO PER TUTELARE I MOSCOVITI DAL PERICOLO DELLE SETTE DISTRUTTIVE

Il sedicente “Dio Kuzya”

Il Municipio di Mosca intende realizzare uno speciale opuscolo sui pericoli delle sette distruttive, contenente consigli per coloro che si trovano sotto l’influenza di tali gruppi. Renat Laishev, del Comitato della Duma di Mosca per i movimenti pubblici e gruppi religiosi, ha informato tramite il sito di news M24, che a breve il legislatore discuterà la forma e il contenuto del memorandum ritenuto assolutamente necessario. Ha precisato che il documento dovrà contenere due punti fondamentali: le modalità per definire un culto distruttiva e a chi rivolgersi in caso di problemi con le sette.  Il capo del Dipartimento per la politica nazionale, le relazioni interregionali e il turismo della città di Mosca, Vladimir Chernikov, ha informato che appena realizzato, l’opuscolo, verrà distribuito attraverso tutti i mezzi disponibili, compresa la pubblicità su internet e il volantinaggio nelle chiese e nei luoghi pubblici.

Aleksandr Korelov, dell’Associazione russa di Ricerca su Religioni e Sette, ha definito l’iniziativa molto importante, aggiungendo che le persone sotto pressione devono essere adeguatamente informate sul fatto che aderire a un gruppo settario può costare loro la salute, i propri beni e, in casi estremi, la stessa vita.

All’inizio di questo mese, la polizia di Mosca aveva tratto in arresto il sedicente ‘Dio Kuzya’, leader una setta radicale accusato di fustigare e torturare i membri del suo gruppo, per la maggior parte composto da donne. Gli inquirenti avevano scoperto l’equivalente di quattro milioni di dollari nei suoi sette appartamenti a Mosca. Il 38enne Andréi Popov (Dio Kuzya), propinava frustate e schiaffi ai seguaci per punirli per aver commesso presunti “crimini ‘come comunicare con il mondo esterno, assumere farmaci o telefonare alle loro famiglie, secondo il canale televisivo russo Vesti.

Oltre a infliggere dolore e ad avere un harem di adepte, un’altra passione di ‘Dio Kuzya’ erano i soldi. Secondo alcuni testimoni, i seguaci gli preparavano ‘bagni’ di banconote provenienti dall’affitto e dalla vendita di immobili di proprietà degli stessi, costretti a consegnare al leader i loro beni materiali.

Un video della polizia ha mostrato che le autorità hanno trovato e sequestrato 43 milioni di rubli e $ 100.000 in contanti durante una perquisizione nei suoi appartamenti.

Nel maggio scorso la polizia aveva già effettuato una perquisizione all’interno di due appartamenti legati al culto, trovando 240 milioni di rubli e 150 mila dollari oltre a materiale pedopornografico.

http://www.rt.com/news/314933-kuzya-god-cult-russia/

Popov negli anni passati si faceva chiamare “l’Arcivescovo romano” ‘e sosteneva di essere la reincarnazione di Gesù Cristo, del leader spirituale russo Sergey Rádonezhski del XIV secolo, dell’occultista russa Helena Petrovna Blavatsky nonchè dell’Arcangelo Gabriele.

Un’altra vicenda ha riguardato circa 35 persone che si sono chiuse in un bunker sotterraneo nella regione di Penza nel timore dell’imminente fine del mondo. Hanno trascorso alcuni mesi nel bunker, abbandonandolo solo dopo che le inondazioni primaverili avevano iniziato a distruggerlo.

La Russia ha classificato circa 80 organizzazioni come “culti”. Questi vanno da movimenti locali a gruppi internazionali trapiantati, tra cui la Chiesa dell’Unificazione o Moonies, il movimento russo “Dio Kuzya” e il gruppo di Grigory Grabovsky – il cui fondatore, condannato per truffa, si era proclamato “la seconda venuta di Cristo” e si vantava di resuscitare i morti.

“Oggi molte persone sono alla ricerca di armonia spirituale, mentre ciarlatani come il ‘Dio Kuzya’ e altri simili a lui, mirano a sfruttare le persone. Non necessariamente i culti hanno una forma tradizionale, molti gruppi settari tengono conferenze, corsi di miglioramento personale o anche lezioni di yoga. L’opuscolo fornirà indicazioni su chi contattare nel caso in cui cittadini scoprano un culto” ha spiegato Renat Laishev.

 

Notizia liberamente tratta da RT

https://www.rt.com/politics/316748-moscow-city-to-launch-anti/

 

NOTA: Sul caso del “Dio Kuzya”, vedi precedente articolo qui:

http://www.rt.com/news/314933-kuzya-god-cult-russia/

NOTA 2: Leggi anche articolo “Moscow Officials Help Citizens Avoid the ‘Moonies,’ Other Cults” pubblicato quest’oggi su THE MOSCOW TIMES, qui:

http://www.themoscowtimes.com/article/535533.html

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...