Profeti di sventura e sette apocalittiche: così “rubano” coscienza e libertà ai seguaci

9 ottobre 2015

Quei profeti di sventura che alimentano paure e negano il diritto alla serenità

 

Immagine di repertorio

Attualmente oltre 650 persone si sono stabilite nel nord-ovest del Nicaragua. L’insediamento è composto interamente dai membri di una setta religiosa chiamata “Il Corpo mistico di Cristo.” Hanno raggiunto la cittadina di El Viejo e stanno aspettando, in base alle loro credenze, un rapimento divino durante la seconda venuta di Cristo; l’estasi o rapimento divino, si verificherà, secondo l’Apocalisse, prima della grande tribolazione degli ultimi tempi;  in quei momenti i veri credenti saranno rapiti dal Signore e portati al suo cospetto

I fedeli provenienti da diverse aree del Nicaragua e da paesi come Guatemala, Honduras ed El Salvador, sono stipati in baracche di legno, palma e plastica e dormono sulle amache. Le condizioni sanitarie sono pessime, oltre 300 minori presenti nella setta, non vanno a scuola, sono malnutriti e senza accesso ai servizi sanitari; la comunità sopravvive grazie alle risorse fornite dei seguaci ai Pastori che la dirigono, ma mentre i fedeli hanno venduto tutti i loro beni, i leader vivono in case ben costruite con computer e accesso a Internet.

Nel villaggio vi è un’alta incidenza di varicella nei bambini, ma gli adulti rifiutano che siano curati dalle squadre mediche che il governo ha inviato nella regione. C’è il pericolo di un focolaio epidemico, eppure gli adepti insistono sul fatto che il loro unico guaritore è Gesù Cristo e rifiutano gli operatori sanitari. Il Presidente del Nicaragua, Daniel Ortega sta valutando se sia il momento di intervenire per garantire il benessere di tutti; Javier Sánchez,, il pastore che guida il movimento, è stato arrestato, e, nonostante l’esistenza di altri pastori, la comunità è alla deriva. Questi mercanti della fine del mondo e profeti di sventura hanno sequestrato la coscienza e la libertà dei propri seguaci.

In Messico si sono verificate situazioni simili, come quella della setta chiamata “La Nuova Gerusalemme”, sorta nel 1973, quando una donna della regione ha affermato di ricevere messaggi dalla Vergine del Rosario, scegliendo a guida del movimento il parroco del paese di Pururarán nel Michoacan. Il sacerdote è stato scomunicato dalla Chiesa cattolica e si è autonominato Papa Nabor, appellando la veggente come Mama Gabina. Pur avendo attraversato una crisi che ha portato alla divisione della comunità in due fazioni, queste continuano lo scontro con il governo messicano, causato, tra l’altro, dal fatto che rifiutano di mandare a scuola i bambini.

Gli uomini indossano sempre una croce, le donne si coprono i capelli con stoffe colorate, nessuno può ascoltare la radio o guardare la TV, le bambine devono rimanere in silenzio quasi tutto il giorno e nessun bambino deve frequentare la scuola; sono vietate le bevande alcoliche, non esistono centri per la salute, nessuno può uscire senza il permesso della comunità e per qualche tempo sono state proibite le relazioni sessuali.

La gente della comunità insegna ai bambini a leggere e scrivere, e solo pochi eletti possono continuare gli studi, ma sono autorizzati unicamente a imparare i messaggi che la Madonna del Rosario ha dato al popolo; per questo motivo i seguaci hanno distrutto le due uniche due scuole primarie esistenti e ostacolano l’entrata degli insegnanti inviati dalle autorità per insegnare ai bambini. Tutta la vita comunitaria è diretta a salvarsi dall’Apocalisse che i devoti attendono dagli anni settanta.

Costoro sembrano dimenticare che la Bibbia stessa afferma che “il giorno del Signore verrà come un ladro nella notte” e “Il Figlio dell’uomo verrà nell’ora che non pensate». Questi falsi profeti, commercianti di terrore, hanno tolto la gioia di vivere dalle loro loro comunità, immergendo i credenti in una paura che si rinnova giorno per giorno e ora per ora, in attesa di una devastante fine del mondo. Questi mercanti della disperazione e calunniatori del cielo rubano la speranza dei propri fedeli, negando loro il diritto a una vita felice, pacifica e produttiva e condannandoli a vivere giorno dopo giorno nell’attesa della fine terribile del mondo che conoscono.

Situazioni lontane dalla nostra vita, ma è un buon momento per chiederci se viviamo la vita con gioia e speranza e la comunichiamo agli altri o se viviamo nel timore costante finendo per trasmettere alle persone la concezione di un mondo cupo e minaccioso in cui si può vivere soltanto in preda alla paura.

 

Articolo a firma di Felipe Mendoza Milán

Libera traduzione a cura favisonlus

NOTA: Felipe Mendoza Milan è laureato in scienze sociali, Dottore in Educazaione e docente universitario

 

FONTE ORIGINALE:

Annunci

One thought on “Profeti di sventura e sette apocalittiche: così “rubano” coscienza e libertà ai seguaci”

  1. Creo que hay una gran diferencia entre las grandes religiones monoteístas y aquellas sectas que solo siguen principios parciales de ellas.
    La cuestión es que el gobierno debe de intervenir en beneficio de la ciudadanía protegiendo valores reconocidos por la sociedad en el Estado y, a la vez, reconocidos por las grandes religiones que están en consonancia con la democracia y el respeto a los derechos humanos.
    Las situaciones descritas de actuación sectaria en ambos países, se pueden prevenir evitando la indiferencia ante el problema o por la falsa tolerancia de la libertad religiosa, la cual sí se concede de acuerdo a los principios políticos contemporáneos que mencioné, pero no en aquellos casos de franca violación a los derechos humanos más elementales.
    Es increíble que muchos medios de comunicación no exhiban tales conductas, de hecho es vergonzoso que este tipo de noticias sean declaradas en fuentes extranjeras.
    Gracias.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...