FRANCIA. Psicoanalista a processo per abuso di debolezza a fini economici e sessuali. Induceva falsi ricordi d’incesto nei pazienti causando danni alle stesse famiglie. La battaglia per la verità dell’Unadfi, l’unione delle associazioni di tutela delle vittime delle sette, che ha contribuito a sollevare il caso

21 ottobre 2015

PSICOANALISTA PROCESSATO PER ABUSO DI DEBOLEZZA SUI PAZIENTI

Uno psicoanalista di 70 anni dovrà rispondere dinnanzi a un tribunale correzionale per abuso di debolezza dei pazienti con il fine di ottenere rapporti sessuali o denaro. Il processo si svolgerà da mercoledì a venerdì

Jacques Masset, è un “guru”, come viene accusato da un’associazione di difesa delle vittime? Lo psicoanalista 70enne verrà giudicato dal Tribunale di Albertville in Savoia, che apre quest’oggi il procedimento. Il reato contestatogli è quello di abuso di debolezza sui pazienti con il fine di ottenere prestazioni sessuali o denaro. Posto in custodia cautelare nel 2010, l’imputato “ha riconosciuto di aver incitato i pazienti a relazioni sessuali non protette e a pratiche sado-masochistiche“, sottolinea l’UNADFI, l’Unione delle associazioni di difesa delle famiglie e della persona, vittime di sette, che ha contribuito a sollevare il caso. L’associazione inoltre definisce Masset un “guru” e uno “pseudo-terapeuta”.

HA INDOTTO FALSI RICORDI D’INCESTO NELLE VITTIME 

Lo psicoanalista “ha sostenuto che le sessioni a cui a volte prendeva parte, avrebbero impedito ai pazienti di cadere nella prostituzione…Ha indotto nelle sue vittime anche falsi ricordi d’incesto, provocando danni collaterali nelle famiglie coinvolte da queste false accuse”, ha aggiunto l’associazione. Durante la fase istruttoria, sono state identificate 72 vittime, in particolare appartenenti al “mondo didattico” e 19 di queste si sono costituite parti civili e saranno ascoltate nel corso del dibattimento. Il processo potrebbe essere celebrato a porte chiuse su istanza delle stesse parti civili.

I fatti risalgono agli anni 2007-2010 e si sono verificati nello studio dello psicoanalista a Ugine (Savoia), ma anche a Cuers (Var), dove l’uomo svolgeva attività di formazione per consentire ai suoi pazienti di diventare terapeuti nel contesto della Société française des analystes praticiens jungiens (SFAPJ).

Per alcuni pazienti questo è sfociato in tortura” ha dichiarato Roselyne Duvouldy, legale di più parti civili

Max Joly, avvocato dello psicoanalista, ha replicato ” Masset esercitava la sua attività dal 1996 alla luce del sole“.

Alcuni pazienti sono stati soddisfatti dalla sua terapia“, ha aggiunto, sottolineando che il suo cliente riconosceva “i fatti ma non i reati“.

Affinché via sia illecito occorre ci sia la consapevolezza di averlo commesso“, ha spiegato l’avvocato evidenziando che al suo cliente non sono contestate né l’aggressione sessuale né la truffa.

Lo psicoanalista dopo il 2010 era partito per stabilirsi in Svizzera benché sottoposto a controllo giudiziario. Sei mesi fa è stato posto in carcerazione preventiva in attesa del processo.

 

FONTE: PARIS MATCH

http://www.parismatch.com/Actu/Faits-divers/Savoie-Un-psychanalyste-juge-pour-abus-de-faiblesse-sur-des-patients-848697

 

AGGIORNAMENTO 18 Dicembre 2015

Jacques Masset

Jacques Masset, il “guru” e “pseudoterapeuta” 70enne di Ugine, (Francia) il cui caso era stato sollevato dall’UNADFI, Unione delle associazioni di difesa dell’individuo e delle famiglie vittime di sette, è stato condannato dal Tribunale correzionale di Albertville (Savoia) a cinque anni di reclusione per abuso di debolezza e alla pena dell’interdizione dall’esercizio di ogni professione connessa con il reato. Vedi un articolo con approfondimenti qui:

http://www.leparisien.fr/faits-divers/le-gourou-d-ugine-condamne-a-cinq-ans-de-prison-pour-abus-de-faiblesse-18-12-2015-5385363.php

 

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...