Losanna. Il movimento ufologico raeliano cacciato da un ristorante dopo aver programmato una conferenza sul loro credo nel locale. Il parere dell’ex segretario politico del Partito liberale radicale

27 Novembre 2015

LOSANNA: UN RISTORANTE CACCIA I RAELIANI

Il movimento ufologico dei raeliani è stato dichiarato ospite non gradito dal ristorante losannese “Le Vaudois”. La struttura che è anche luogo d’incontro di un’organizzazione vicina al Partito Liberale Radicale  (PLR), non ha accettato che il gruppo che venera gli extraterrestri, abbia organizzato al suo interno, una conferenza sulle sue credenze

Il leader del movimento ufologico raeliano

Il padrone del “Vaudois” ha spiegato al quotidiano Le Matin del 28 novembre 2015, che accettava i raeliani come consumatori ma non per organizzare una conferenza che, eticamente parlando, non può approvare. E’ in una delle sale conferenze che doveva essere tenuto l’incontro avente a oggetto ” La verità sulle nostre origini extraterrestri”.

Chris Antille, portavoce del movimento nella svizzera francese ha deplorato una discriminazione che meriterebbe di essere punita per legge. La sanzione tuttavia richiederebbe che i raeliani fossero riconosciuti come religione ufficiale, ma tale non è il caso. Il responsabile della setta ha detto che un altro stabilimento losannese, si era detto pronto ad accoglierli.

Una setta pericolosa?

Gilles Meystre, direttore di GastroVaud, l’associazione di Canton Vaud dei proprietari di bar, dei ristoratori e albergatori, riconosce che in teoria, non è compito delle strutture stabilire l’accoglienza di un gruppo sulla base delle sue credenze ma questo caso è più delicato, in relazione alla natura   “settaria” degli ospiti. Il movimento in effetti era stato iscritto nell’elenco delle sette nocive redatto dalla Commissione parlamentare francese sulle sette del 1995, che ne contestava il carattere esorbitante delle richieste finanziarie, un discorso pressoché antisociale e di essere causa di disturbo dell’ordine pubblico.

Extraterrestri e Partito Radicale Liberale (PRL)

Gilles Meystre, ex segretario politico del Partito Liberale Radicale, conosce bene del resto  “Le Vaudois”, per avere lavorato in passato alcuni piani sopra con il gruppo dei radicali di Vaud. La birreria occupa i locali che appartengono al  Cercle Démocratique Lausanne, una organizzazione vicina al partito. <<Francamente sarebbe stato molto esotico ritrovare là in mezzo i raeliani. Non c’entrano nulla con lo spirito del luogo>>, ha concluso Gilles Meystre.

Nel luglio 2012 la Corte europea dei diritti dell’uomo, aveva deliberato non esservi stata da parte del Canton de Neuchâtel, violazione della liberà di espressione del movimento raeliano, negando il permesso per una campagna di affissioni. All’epoca le autorità avevano richiamato le attività del movimento contrarie all’ordine pubblico.

 

Articolo a firma di Raphael Zbinden

Libera traduzione a cura favisonlus

 

FONTE: cath,ch

https://www.cath.ch/newsf/lausanne-un-restaurant-chasse-les-raeliens/

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...