Regno Unito. Emergono nuove accuse di coperture degli abusi sessuali da parte dei Testimoni di Geova

5 Gennaio 2015

Tratto da: REVEAL from The Center from Investigative Reporting

ORGANIZZAZIONE GEOVISTA ANCORA NELL’OCCHIO DEL CICLONE PER NUOVE ACCUSE DI INSABBIAMENTO DEI CASI DI ABUSO SESSUALE INFANTILE

Le accuse secondo cui i Testimoni di Geova nascondono gli abusi sessuali su minori alle autorità secolari, sono affiorate nuovamente in Inghilterra. La settimana scorsa il Daily Mail ha riferito che il 54 enne testimone di Geova, Ian Pheasey, è stato condannato a 5 anni di reclusione per il soffocamento (strangolamento) di bambine a fini di gratificazione sessuale (fatti risalenti agli anni Novanta). Il procuratore Nicholas Taplow, ha affermato che alle vittime di Pheasey venne detto di tacere e ha aggiunto che “la faccenda fu insabbiata dalla chiesa“.

Intanto nella città costiera di Hartlepool (Inghilterra), nel Mare del Nord, Steve Rose, un ex testimone di Geova, ha dichiarato il mese scorso al The Northern Echo che la religione a cui era affiliato mette in pericolo i bambini.

<<E’ molto difficile per le persone, probabilmente per le più giovani nella chiesa, recarsi in polizia>>, ha detto Rose che ha aggiunto che i Testimoni di Geova lo hanno cacciato e ostracizzato.

Secondo l’Echo, Rose ha fornito informazioni a una commissione governativa che sta indagando le accuse secondo cui le politiche dei Testimoni di Geova non proteggono i bambini dall’abuso sessuale.

Per anni i Testimoni di Geova, in almeno tre continenti, hanno sostenuto cause per cui avrebbero protetto gli abusatori di bambini dalle accuse. Ma più recentemente gli organismi governativi ne hanno preso atto e cominciato a investigare la politica della religione di non segnalare gli abusi sui minori alle forze dell’ordine tranne quando stabilito per legge.

La Charity Commission che regola gli enti benefici nel Regno Unito e Galles, ha avviato la sua inchiesta 18 mesi fa in presenza di una serie di procedimenti di alto rilievo in Inghilterra. Quello più noto è stato il caso di Mark Sewell, testimone di Geova condannato nel 2014 per otto reati sessuali, compreso l’abuso sessuale di una ragazzina di 12 anni.

Secondo il The Mirror , gli anziani della congregazione di Sewell rigettarono le accuse contro di lui e distrussero le prove dei suoi crimini. Kathleen Hallisey, un avvocato che ha rappresentato le vittime di Sewell, ha dieci procedimenti pendenti contro i Testimoni ma auspica che il lavoro della Commissione possa determinare un cambiamenti radicale.

<<L’investigatore ha contattato molti superstiti di abuso e ha avuto una vera comprensione dei particolari problemi in cui versano le vittime di abuso nell’organizzazione del Testimoni di Geova>> ha detto a Reveal. <<Sono fiduciosa che la sua dedizione e diligenza nel perseguire questa indagine condurrà a un reale cambiamento nelle politiche di protezione dei minori della Torre di Guardia>>.

La portavoce della Charity Commission, Sarah Miller, ha scritto a Reveal in una e-mail che gli investigatori non rilasciano dichiarazioni ufficiali, perché l’inchiesta è in corso.

Gli eventi in Inghilterra hanno coinciso con un’ inchiesta della Commissione Reale Australiana che ha scoperto che i Testimoni di tale paese avevano omesso di segnalare più di 1.000 casi di presunti abusi sessuali sui minori alle autorità secolari. La commissione ha segnalato alcuni di questi casi alle autorità di contrasto.

Non vi è alcuna indicazione che le autorità federali degli Stati Uniti stiano indagando le politiche di abuso infantile dei Testimoni.

I Testimoni stanno attualmente combattendo più di una dozzina di azioni legali concernenti gli abusi su minori; funzionari statunitensi presso la sede della religione a New York, hanno dovuto riconoscere di aver raccolto i nomi e gli indirizzi dei presunti violentatori di bambini nelle loro congregazioni per quasi 20 anni. L’organizzazione ha violato ingiunzioni a produrre documenti in almeno due cause in California.

I funzionari dei Testimoni di Geova hanno declinato le ripetute richieste di interviste di Reveal, quando abbiamo esaminato le politiche dell’organizzazione. Invece hanno rilasciato dichiarazioni pubbliche, sostenendo di non proteggere i violentatori di bambini e che le vittime hanno sempre il diritto di denunciare gli abusi alle autorità civili.

Questa settimana hanno rifiutato di commentare i recenti sviluppi nel Regno Unito.

 

Articolo di 

Libera traduzione a cura favisonlus

 

FONTE: REVEAL

https://www.revealnews.org/blog/in-england-more-accusations-that-jehovahs-witnesses-hid-sex-abuse/

 

NOTA: Sulle vicende del Regno Unito vedi anche post pubblicato quest’oggi sul blog dell’Associazione Vittime della Società Torre di Guardia, al link di seguito

https://associazionevittimetorrediguardia.wordpress.com/2016/01/05/testimoni-di-geova-del-regno-unito-accusati-di-occultare-gli-abusi-sessuali/

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...