Caso Sahaja Yoga. Tribunale dei minori di Torino rigetta le accuse contro i genitori dei bambini ospiti della comunità

31 Gennaio 2016

Scuola di Cabella, il tribunale fa cadere le accuse ai genitori

Quindici persone rimaste senza lavoro. Un intero paese che ha perso un importante volano economico. E una sessantina di famiglie che si sono ritrovate di fronte alla giustizia con l’accusa, sostanzialmente, di aver abbandonato i propri figli. Ma a dieci mesi di distanza dal blitz delle forze dell’ordine nella scuola Sahaja Yoga di Cabella Ligure, il tribunale dei minorenni di Torino ha cancellato con un colpo di spugna tutta la vicenda

Shri Mataji Nirmala Devi

A marzo del 2015 la procura dei minori del Piemonte aveva ordinato un’ispezione nei locali della scuola di Cabella, legata alla Fondazione Sahaja Yoga, il movimento religioso portato in val Borbera a inizio degli anni Novanta da Shri Mataji Nirmala Devi (mancata nel 2011). “La santona”, come in tanti la chiamavano in un misto di rispetto e di presa di distanza, nel 1991 aveva acquistato Palazzo Doria a Cabella e da allora la comunità Sahaja Yoga era andata costantemente crescendo. Tanto da dare vita a una scuola a cui le famiglie degli adepti potessero affidare i figli.

Lo scorso anno, in seguito a un contenzioso tra due genitori (un uomo tedesco aveva accusato la moglie di avergli sottratto i figli, portandoli a vivere in Italia), la procura dei minori era intervenuta a Cabella, sostenendo che la struttura fosse fuori legge. I 61 bambini ospitati – tra i 6 e gli 11 anni, per lo più di nazionalità straniera – erano stati riconsegnati ai genitori ed erano stati avviati anche i procedimenti di adozione, motivati dall’abbandono di minore. La scuola da allora è rimasta chiusa.
Oggi, però, il tribunale dei minori di Torino ha rigettato con un “non luogo a procedere” tutte le richieste di adottabilità, sul presupposto che nessuno dei bambini era stato abbandonato, ma anzi tutti erano pienamente seguiti dalle famiglie e dagli educatori.

“Abbiamo sempre avuto piena fiducia nella magistratura e questo provvedimento conferma la regolarità del nostro agire – spiega il responsabile della Fondazione Sahaja Yoga,  – Manel frattempo la scuola è rimasta chiusa e non sappiamo se potrà riaprire, i dipendenti sono stati licenziati e l’alta val Borbera ha perso un volano economico importante, rappresentato dalle numerose persone che arrivano qui attratti dalle nostre iniziative”. Bar, ristoranti e negozi di Cabella ne sono i primi testimoni.

Dal punto di vista sostanziale, dice ancora Prandini, “la nostra scuola è sempre stata in regola, con strutture sicure e adeguate alle necessità. A mancare erano solo alcuni documenti”.
Prandini e gli altri membri della Fondazione però ci credono ancora e vogliono riaprire l’istituto: “A breve avremo un incontro con i tecnici del ministero dell’Istruzione e della Regione. Speriamo di poter riaprire con l’anno scolastico 2016/17 come scuola privata [in precedenza la struttura di Cabella era classificata come scuola parentale, ossia gestita dai genitori; ndr]”.
“Sempre che da qui a settembre la burocrazia riesca a mettere un timbro su quei documenti mancanti”, conclude sconsolato Prandini.

 

di Elio Defrani

 

FONTE: alessandria news

http://www.alessandrianews.it/novi-ligure/scuola-cabella-tribunale-fa-cadere-accuse-ai-genitori-125448.html

 

NOTA: Sul movimento fondato da Shri Mataji Nirmala Devi e che ha suscitato anche all’estero controversie concernenti, tra l’altro, le attività didattiche dello stesso, vedi articolo di archivio dell’Independent, al link di seguito

http://www.independent.co.uk/news/people/profiles/shri-who-must-be-obeyed-9263416.html

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...