Pedofilia ecclesiale. Massimo Introvigne, il Vaticano e l’odioso sistema di difesa della chiesa. L’analisi del politologo francese Paul Aries

20 Marzo 2016

 

Crimini di pedofilia e altre violenze sessuali

L’odioso sistema di difesa della Chiesa cattolica

 

di Paul ARIES 

La Chiesa di Francia è attualmente coinvolta in casi di pedofilia e violenza sessuale. Nel saggio La face cachée du pape François (Max Milo, 2016) ho spiegato come il Vaticano abbia elaborato il suo sistema di difesa per eludere le proprie responsabilità e accusare lo spirito del “Maggio francese” di essere il vero colpevole.

Massimo Introvigne- Papa Francesco

È dunque anedottico se uno dei suoi sacerdoti di Lione accusato di violenza sessuale è anche colui che animava le messe in memoria di Luigi XVI? E’ inoltre mera coincidenza se il cardinale Barbarin, già famoso per aver detto in merito ai crimini pedofili che “la maggior parte dei fatti, grazie a Dio, sono prescritti” è ideologicamente vicino all’Ordine occulto dei Cavalieri di Colombo, il movimento ultraconservatore nord americano che è riuscito a far canonizzare dal Papa, nel settembre scorso, un sacerdote accusato di genocidio dei nativi americani? Questi campioni della “Manif pour tous”, (associazione nata in Francia con il fine di di promuovere il matrimonio esclusivamente eterosessuale e l’adozione di bambini da parte di famiglie esclusivamente eterosessuali ), dovrebbero mettere ordine in casa propria prima di accusare di immoralità i sostenitori della parità dei diritti!

L’italiano Massimo Introvigne, direttore generale di Alleanza cattolica, un’organizzazione di estrema destra, laureato alla Pontificia Università Gregoriana, docente presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum appartenente ai Legionari di Cristo, molto conosciuto in Francia per essere il miglior difensore di sette quali Scientology, si è fatto anche avvocato della chiesa in queste vicende di pedofilia con la pubblicazione di un testo titolato “L’Onu dichiara guerra alla Chiesa” in cui se la prende con il Comitato Onu sui diritti dell’infanzia.

Questo autoproclamato esperto, è famoso per aver difeso Marcial Maciel, il guru dei Legionari di Cristo prima che il  suo movimento e il Vaticano fossero obbligati a riconoscere la gravità e l’entità dei crimini commessi.

Pur, naturalmente compassionevole con le vittime di tali crimini, Massimo Introvigne applica quel sistema di difesa diventato quello di Roma. Spiega che le accuse contro la chiesa sono dovute a forme di ‘panico morale’, vale a dire a una ” iper-costruzione sociale ” (sic). Il problema, se esiste, non sarebbe quello del celibato dei sacerdoti, ma dell’omosessualità. La chiesa avrebbe sofferto di una eccessiva  tolleranza dell’omosessualità nei suoi seminari, in particolare nel 1970. La colpa incomberebbe quindi sulle idee di liberazione sessuale e sul “Maggio ’68”. Roma ha ascoltato Introvigne, ora i candidati preti con tendenze omosessuali radicate non possono accedere all’ordinazione.

Abbiamo pertanto ulteriore dimostrazione che questa chiesa che parla dell’esistenza di una lobby gay al suo interno è una chiesa ultra-reazionaria. In primo luogo ultra-reazionaria perché stabilisce un legame tra omosessualità e pedofilia, e poi ultra-reazionaria perché fa della pedofilia non una conseguenza del suo funzionamento, (il celibato, tra gli altri) ma della liberazione sessuale, rinviando la responsabilità del crimine della pedofilia sul resto della società.

La chiesa dimentica lungo la strada che la critica principale non è quella di aver ospitato suo malgrado preti pedofili ma di averli protetti, di aver fatto pressione sulle famiglie delle vittime.

Parlare di una lobby gay in seno alla Curia, a proposito di casi di pedofilia, è fare dei crimini commessi nella Chiesa una questione che non riguarda la Chiesa, è porre la Chiesa come vittima e contestualmente come soluzione. Gli accusatori della chiesa non cercherebbero tanto di proteggere i bambini quanto di difendere la pillola RU 486 (abortiva), l’eutanasia, il riconoscimento delle unioni omosessuali. “Questi gruppi di pressione più o meno massonici sottolineano il sinistro potere della tecnocrazia evocato da Benedetto XVI nell’enciclica Caritas in veritate, e la denuncia di Giovanni Paolo II nel suo Messaggio per la Giornata mondiale della Pace 1985 di “disegni nascosti” – accanto ad altri “apertamente diffusi” – “per sottomettere tutti i popoli a regimi in cui Dio non conta. In verità, si tratta del tempo dell’oscurità, che ci ricorda la profezia di un grande pensatore cattolico del XIX secolo, Emiliano Avogadro della Motta (1798-1865), secondo il quale, alle rovine causate dalle ideologie secolari, sarebbe succeduta un’autentica “demonolatria” che si manifesterebbe soprattutto nell’attacco alla famiglia e al vero concetto di matrimonio “.

Papa Francesco continua nella stessa direzione allorché ha dichiarato nel luglio 2013 l’esitenza inequivocabile di una lobby gay in Vaticano. Roma e Francesco stanno  (ri)costruendo una macchina da guerra anti-omosessuale, sia per ripulire la chiesa dalle accuse di protezione dei pedofili, sia come controffensiva rispetto tutti i ripetuti scandali finanziari e politici, mettendosi contemporaneamente in tasca il guadagno di apparire più “morale” di altri e coinvolgendo maggiormente quelli che simpatizzano con lo spirito del ‘Maggio francese del 1968’.

 

 VEDI RIFERIMENTI ALLA FONTE ORIGINALE DELL’ARTICOLO
http://www.legrandsoir.info/le-systeme-odieux-de-defense-de-l-eglise-catholique.html
Libera traduzione a cura favisonlus

 

NOTA SULL’AUTORE: Paul ARIES, già ricercatore al CNRS, politologo, socio-economista, è autore di una trentina di opere. Ha collaborato con numerose riviste, tra cui Monde Diplomatique, Universalia, Golias, ed è caporedattore del mensile “Les Z’indignés”. ARIES è presidente della sezione francese del Centro-Europa-Terzo-Mondo (CETIM), organizzazione non governativa riconosciuta dall’ONU. Il suo ultimo saggio, disponibile nelle librerie francesi dal 30 marzo, si intitola « La face cachée du pape François » (ed. Max Milo). Vedi altri dati su Le Grand Soir al link sopra

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...