DOCUMENTARIO. Una famiglia manipolata da una maga e l’esorcismo fatale della piccola Maria Ilenia

A Sangue Freddo – L’esorcismo di Maria Ilenia

Un caso datato 1994, ma di cocente attualità quello della piccola Maria Ilenia, uccisa ad appena 50 giorni di vita, da uno zio, durante un rituale di esorcismo casalingo alla presenza di altri sette famigliari, in seguito alla manipolazione di una maga romana che, dietro pagamento, aveva convinto l’intera famiglia di essere sotto l’attacco del diavolo e che il pianto inconsolabile della piccola fosse un sintomo di possessione.

Dalla trasmissione A SANGUE FREDDO Stagione I 2 Episodio 1 I Sabato 9 Aprile 2016

 

 

DI SEGUITO DUE ARTICOLI DI ARCHIVIO SULLA VICENDA:

Bimba uccisa durante esorcismo:genitori rievocano tragedia

Maggio 1994

Hanno deposto nell’aula bunker di Palmi Michele Politano’ e Laura Lumicisi, i genitori di Maria Ilenia, la bimba di due mesi uccisa a Polistena, in Calabria, nel settembre scorso, durante un esorcismo. I due giovani, visibilmente turbati, hanno raccontato come giunsero in contatto con la maga Francesca Giananti di Roma, in arte Yvette Duval, passando in precedenza per una serie di santoni con cui ebbero incontri. I coniugi hanno parlato di un tale Domenico, un santone di Sant’Onofrio (Vibo Valentia), di un uomo di San Giorgio Morgeto che veniva chiamato per verificare l’eventuale presenza di spiriti nelle abitazioni ed infine hanno spiegato pure di essersi rivolti a sacerdoti per avere la benedizione della casa. Poi il rapporto con la maga Yvette. “Ci aveva detto – hanno raccontato i coniugi – che la bambina sarebbe morta entro sei mesi, che io – ha detto Laura Lumicisi – sarei morta di parto, mio marito in un incidente stradale e mia madre tra un anno se non avessimo chiesto il suo intervento”. Michele Politano’ ha dichiarato che “la bambina era la regina della casa e le volevano bene tutti”.

aggiornamento delle 18:31 “Io – ha detto l’uomo – non mi sono reso conto, quel giorno, che la bambina non respirava ed ero convinto, fino all’arrivo della polizia, che fosse ancora viva. Fortini (uno dei carnefici, n.d.r.) soffiò dentro la bambina aprendole le gambine e alla fine la mise su un cuscino nuda e ci disse di soffiare tutti sul suo corpo. Durante queste pratiche la piccola aveva lo sguardo fisso e non piangeva”. Fortini, ha poi detto Laura Lumicisi, rievocando la tragica sequenza degli avvenimenti di quella notte, “dopo la partenza della maga si era convinto di essere l’incarnazione di Padre Pio. Maria Bernabe’ credeva di essere la Madonna e mio fratello, Domenico Lumicisi, credeva di essere San Francesco”. L’interrogatorio dei due imputati è stato condotto dal procuratore di Palmi, Elio Costa, ed è durato complessivamente oltre cinque ore. Il processo si è concluso a tarda sera e riprenderà lunedi prossimo

FONTE: AGI

http://archivio.agi.it/articolo/6af9daa6400672e7d3c0cb2397fb40e0_19950522_bimba-uccisa-durante-esorcismo-genitori-rievocano-tragedia/

 

CALABRIA: IN LIBERTA’ GENITORI BIMBA UCCISA IN ESORCISMO

Palmi, 30 mag 1995 (Adnkronos) – Sono stati rimessi in liberta’ i genitori, gli zii e la nonna della piccola Maria Ilenia, la bambina uccisa a Polistena, il 12 settembre scorso nel corso di un rito esorcisticio, durante il quale le erano state inflitte indicibili torture e sevizie. Si tratta di Michele Politano’ e Laura Lumicisi, genitori della piccola; di Rosina Lumicisi, nonna della bambina e degli zii Vincenzo, Domenico e Mirella Lumicisi e Maria Barnaba’ e Marisa Pette’. La decisione e’ stata assunta dalla Corte di Assise di Palmi, presieduta da Antonella Mazzei, dal momento che ”il delitto fu commesso in un contesto psico-emotivo di profonda alterazione -si legge nella motivazione- dovuta all’effetto congiunto del contatto prolungato con una maga, Francesca Giananti, ospite della famiglia Lumicisi per due settimane immediatamente antecedente il delitto, e della conseguente esaltazione psichica di Vincenzo Fortini, parente acquisito dei Lumicisi, convinto di essere posseduto dallo spirito di Padre Pio e autore pressocche’ esclusivo, come emerso dagli esami degli imputati e dall’esame stesso di Fortini, di tutte le gravissime pratiche che hanno cagionato la morte della povera Maria Ilenia Politano”.

Vincenzo Fortini e’ l’unico a rimanere in carcere. L’uomo ha cominciato a deporre in aula ieri e continuera’ nella prossima udienza del 13 giugno.

 

FONTE: Adnkronos

http://www1.adnkronos.com/Archivio/AdnAgenzia/1995/05/30/Cronaca/CALABRIA-IN-LIBERTA-GENITORI-BIMBA-UCCISA-IN-ESORCISMO_134700.php

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...