CASO GREGORIAN BIVOLARU. Mancate risposte dalle autorità svedesi e i magistrati francesi posticipano per la terza volta la pronuncia sull’estradizione del controverso guru rumeno del Movimento per l’Integrazione dello Spirito nell’Assoluto (Misa yoga).

11 Maggio 2016

Rimandata ancora una volta l’estradizione di Bivolaru , le autorità svedesi non hanno inviato tutti i documenti richiesti

I magistrati francesi hanno rinviato per la terza volta, al 18 maggio, la pronuncia sull’estradizione di Gregorian Bivolaru a causa della mancanza di risposte sollecitate alle autorità svedesi, secondo quanto riferito da fonti ufficiali all’agenzia Mediafax.

Gregorian Bivolaru. Scheda Europol. Immagine di repertorio

I giudici francesi dovevano pronunciarsi mercoledì sulla richiesta di estradizione di Gregorian Bivolaru in Romania. Fonti ufficiali hanno dichiarato a Mediafax che i magistrati hanno posticipato per la terza volta la data al 18 maggio.

La decisione è stata presa in ordine al fatto che non hanno ottenuto risposta dalle autorità svedesi in riferimento allo status di asilante politico di Bivolaru, prima della sua cattura in Francia.

Le fonti citate hanno indicato che i magistrati hanno richiesto alle autorità svedesi di precisare se si oppongano alla consegna di Bivolaru in Romania. Allo stesso tempo, la Svezia ha tempo sino al 18 maggio per riferire se il transito dell’uomo con documenti falsi costituisca un reato e se questa condotta possa comportare la revoca dello status ottenuto, dato che l’uomo è stato catturato in Francia con un passaporto falso.

Il 23 marzo la pronuncia era stata rinviata per analizzare la situazione Bivolaru in Romania dal momento che questi sostiene di “essere perseguitato dalla magistratura”, secondo quanto riferito dalle stesse fonti.

Fino alla sentenza finale, Bivolaru rimane detenuto presso le autorità francesi. Catturato dalla polizia in Francia il 26 febbraio scorso, era ricercato dalle autorità rumene dopo che nel 2013 era stato condannato a 6 anni di reclusione per abusi sessuali su minore. Nel 2006 il “Guru”, come era chiamato, aveva ottenuto asilo politico in Svezia.

Bivolaru risultava anche nell’elenco dei most wanted dell’Ufficio europeo di polizia, Europol, insieme a individui come Salah Abdeslam, ricercato per il coinvolgimento negli attentati terroristici compiuti a Parigi nel novembre 2015.

 

FONTI DELLA NOTIZIA:

http://www.mediafax.ro/social/extradarea-lui-bivolaru-amanata-din-nou-autoritatile-din-suedia-nu-au-trimis-toate-actele-cerute-15306991

http://www.romaniatv.net/gregorian-bivolaru-afla-daca-va-fi-sau-nu-extradat-din-franta_291723.html

 

NOTA: Vedi articoli precedenti postati al link di seguito:

https://favisonlus.wordpress.com/?s=gregorian+bivolaru

NOTA 2: Nei confronti di Bivolaru e di alcuni seguaci del Movimento Spirituale per l’Integrazione dello Spirito nell’Assoluto (MISA yoga), con sedi anche nel nostro paese, la Procura di Firenze nel dicembre 2012 aveva aperto un’inchiesta:

http://www.lanazione.it/firenze/cronaca/2012/12/08/813852-yoga-indagine-inchiesta-violenza-sessuale-misa.shtml

 

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...