Tribunale di Potenza condanna guaritore per violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione

16 Maggio 2016

Palpeggiamenti al posto dei massaggi, ”santone” di Picerno condannato a sei anni

di Fabrizio Di Vito

Per anni si sarebbe spacciato come un curatore dalle mani magiche in grado, con i suoi massaggi miracolosi, di aiutare chiunque a risolvere i propri problemi di salute.

E proprio per questo suo innato “talento” era molto conosciuto in paese, per la precisione a Picerno. E così, nel 2010, i suoceri di una ragazza affetta da un pò di tempo da disturbi dell’alimentazione come l’anoressia e la bulimia, avevano deciso di rivolgersi proprio al fantomatico psicoterapeuta per provare ad aiutarla.

L’uomo inizia ad incontrare la giovane una, due, tre volte e a massaggiarle le orecchie e i capelli, ritenuti dal “santone” i punti nevralgici per ottenere i risultati auspicati.

Nel terzo incontro a casa della ragazza, però, accade qualcosa di diverso: il curatore sarebbe passato dai massaggi ai palpeggiamenti delle parti intime della ragazza.

Dettagli nell’edizione cartacea de La Nuova del Sud. 

 

http://www.nuovadelsud.it/potenza-e-provincia/potenza-e-provincia-news/provincia/9585-palpeggiamenti-al-posto-dei-massaggi,-%E2%80%9Dsantone%E2%80%9D-di-picerno-condannato-a-sei-anni.html

 

Violenza su donna durante seduta di ‘massaggi’, condannato.

Immagine di repertorio

Il Tribunale di Potenza ha condannato a sei anni di reclusione, per violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione, un uomo del potentino. Il pm aveva chiesto una condanna a sette anni e sei mesi di reclusione. L’uomo, secondo l’accusa, sarebbe stato contattato nel 2011 dai familiari della donna, con ripetuti problemi di salute, per dei “massaggi”. Nella zona, infatti, era conosciuto come una sorta di “massaggiatore” o di “guaritore”. Durante una delle “sedute”, che si sono svolte nell’abitazione della donna, la paziente sarebbe stata poi ripetutamente palpeggiata anche in modo molto “spinto” e intimo: un atteggiamento che costrinse la donna a fuggire e a denunciare la vicenda ai Carabinieri.

FONTE: TRM                                                                                           http://www.trmtv.it/home/cronaca/2016_05_16/112484.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...