Nessuna diffamazione da parte di una ex adepta del controverso Movimento per l’Integrazione dello Spirito nell’Assoluto. Insegnanti e rappresentanti di Misa Yoga Italia condannati a rifondere le spese processuali

marte

Firenze – Lo scorso  4 ottobre 2016 il giudice, respingendo la richiesta della controparte, ha sentenziato che Cecilia Tiz non aveva commesso diffamazione.

Era stata citata a giudizio nel 2013 da sedici fra rappresentanti e istruttori di scuole Misa Yoga in Italia, con richieste di risarcimento per 1.250.000 euro.

Gli attori della querela  sono stati condannati a pagare le spese processuali ammontanti a 24.828,50 euro.

Qui il testo della sentenza

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...