Così le sette manipolano la mente dei seguaci. L’intervista alla dott.ssa Alexandra Stein esperta internazionale del fenomeno

1 Marzo 2017

Come fare il lavaggio del cervello – L’ex adepta di una setta racconta
Alexandra Stein ha subito il lavaggio del cervello da una setta marxista-leninista e per anni ne è stata prigioniera. Ora è una delle maggiori esperte in materia.

Quando arrivo a casa sua, a Londra, Alexandra Stein è al telefono. “Il tuo compito numero uno è rimanere in contatto con lui,” dice con veemenza nel ricevitore, spiegando come aiutare qualcuno che si sta facendo risucchiare in una setta. Riceve molte chiamate da parenti preoccupati perché, dopo tutto quello che ha dovuto affrontare, è un’autorità in materia.

Per dieci anni, Stein è stata membro di una setta politica di sinistra, The O. Quando è fuggita ha scritto un libro e una tesi di dottorato a riguardo, ed è diventata uno dei massimi esperti a livello accademico nel campo. Ha da poco pubblicato il suo secondo libroTerror, Love and Brainwashing: Attachment in Cults and Totalitarian Systems. In un martedì grigio e freddo parliamo delle sue esperienze, della definizione di culto, e ci chiediamo se il capo del mondo libero sia, in realtà, il capo di una setta.

“La gente non pensa ai gruppi politici come a sette,” mi dice Stein, sorseggiando il tè. “Ma possono diventarlo. Ci sono miliardi di sette politiche in tutto il mondo.” Lo sa bene. È cresciuta a Londra in una famiglia sudafricana, molto politicizzata. “Ho avuto la politica nel sangue fin da molto piccola.”

Quando aveva 18 anni si trasferì in America in cerca di avventura e attivismo. Li trovò—per un po’. Poi, racconta, arrivò Reagan e molti dei suoi compagni mollarono e si fecero un’altra vita, lasciandola sola con la sua passione politica. Aveva appena lasciato il ragazzo del tempo quando incontrò alcuni membri di The O., un gruppo marxista-leninista di Minneapolis.

L’attrassero con le loro promesse di dare vita a una rivoluzione di sinistra, e si appropriarono della sua vita. Il gruppo la isolò dai suoi amici e parenti, la fece sposare con una persona approvata da loro, le disse che fare figli era parte della sua missione, e la costrinse a lavorare in una panetteria otto ore al giorno, quando smontava dal suo impiego a tempo pieno come assemblatrice di computer (altro lavoro che le era stato comandato). Viveva in una “casa buia e nascosta di proprietà della setta” e credeva fermamente nella causa.

I due lavori la rendevano costantemente esausta, e Stein perse ogni altro legame fuori dalla setta. Anche se non capiva bene cosa c’entrassero la panificazione o i computer con la rivoluzione, non aveva le facoltà mentali o la forza di mettere in discussione quella che era tutta la sua vita.

È stato solo nel 1991, dopo un tentativo di fuga fallito, che si distanziò finalmente dalla setta e iniziò a chiedersi cosa le fosse successo. Questo la spinse a cercare di comprendere quello che era successo a lei—e continua a succedere a persone in tutto il mondo, “dalle sette politiche a quelle yoga all’ISIS, e tutto quello che c’è nel mezzo,” dice Stein.

È questo che vorrebbe mostrare al mondo con il suo nuovo libro: non importa l’ideologia di una setta, le tecniche che impiegano sono sempre le stesse. I leader si comportano alla stregua di dittatori e mariti violenti, e capirlo serve a proteggerci dal loro potere. La psicologia dietro questi gruppi dovrebbe essere insegnata nelle scuole e nelle università di tutto il mondo, dice.

“La mia definizione di setta prevede cinque punti,” mi dice. “Uno: il leader è carismatico e autoritario. Due: la struttura del gruppo isola le persone. La terza cosa è l’ideologia totalitaria, ‘Hai bisogno solo di me, nessun altro sistema di credenze importa’.” Il quarto punto è il lavaggio del cervello. Il quinto è un risultato di tutto questo: “Creare seguaci che faranno tutto quello che dici loro senza pensare al proprio interesse e alla propria sopravvivenza.”

“È per questo che poi le persone si fanno saltare in aria,” conclude. “La gente non lo capisce, ma chi fa parte di una setta non è in grado di pensare, o di provare qualcosa.”

È come fare parte di un gruppo di amici falsi e cattivi. Le sette danno l’illusione della solidarietà, ma Stein le descrive come gruppi perversi di individui profondamente soli, che hanno perso la volontà e la capacità di prendere decisioni. “Non puoi fidarti di nessuno, in una setta,” dice. “Se dici, ‘Ehi, mi sembra che qui ci sia un problema,’ probabilmente ti puniranno, quindi non puoi fare nulla. Hai paura ma non hai nessun altro, perciò ti attacchi alle persone stesse che ti causano quella paura.”

È così che funzionano: con il circolo vizioso della paura e dell’attaccamento. È una sindrome di Stoccolma, solo che è più insidiosa e ti crea più confusione, perché ti senti che sei stato tu a fare la scelta di entrarci.

La cosa più allarmante è che Stein crede che chiunque sia vulnerabile alle tattiche delle sette. Questi gruppi sanno come usare la tua stessa forza contro di te, dice. “È una risposta molto umana dire, ‘Questo a me non potrebbe mai succedere.’ Moltissime persone che hanno ascoltato la mia storia nel corso degli anni poi mi hanno detto, ‘È terribile, mi dispiace che sia successo a te, ma a me non potrebbe mai succedere perché sono troppo indipendente.’ Lo dicono tutti.”

“Ho imparato a non arrabbiarmi,” aggiunge. “È naturale volersi distanziare da una cosa che ti fa paura. Ma basta pensare alla Germania di Hitler per capire che può succedere a tutti. Chiunque può diventare dissociato al punto da non vedere quello che gli succede davanti agli occhi.”

La cosa scioccante è che Stein—che ha partecipato alla manifestazione contro Trump di gennaio a Downing Street—pensa anche che l’attuale presidente americano abbia tutte le caratteristiche del leader della setta. “È carismatico e autoritario? Sì. Sta costruendo una gerarchia rigida? Così pare,” dice, riferendosi al coinvolgimento nel governo della famiglia di Trump. “Ha un’ideologia assolutistica? Sì! Mette in gioco processi di isolamento, lavaggio del cervello e terrore? [L’amministrazione Trump] sta sicuramente cercando di terrorizzare. E, infine, ha dei seguaci disposti a tutto per lui? Penso che ce ne accorgeremo presto, se non ce ne sbarazziamo.”

“Penso che abbiamo visto abbastanza; abbastanza per dire che Trump si comporta come il leader di una setta,” dice, prima di aggiungere con un sospiro, “Ma vorrei che non fosse vero.”

Questo articolo è tratto da Broadly.

 

FONTE: VICE ITALIA

https://www.vice.com/it/article/come-fare-il-lavaggio-del-cervello-lex-adepta-di-una-setta-racconta

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...