Spagna. La battaglia di un padre contro i ciarlatani della salute e le “cure” pseudoscientifiche

Aprile 2016

UN PADRE DENUNCIA IL GUARITORE CHE TRATTO’ SENZA RISULTATO LA LEUCEMIA DI SUO FIGLIO

  • Mario è morto a 21 anni, sei mesi dopo la decisione di abbandonare la chemioterapia e il trapianto di midollo osseo per affidarsi a una cura pseudoscientifica a base di vitamine costatagli 4.000 euro

 

Mario era uno studente di Fisica a Burjassot (Valencia), ma a solo 21 anni ricevette la terribile notizia che avrebbe troncato tutti i suoi progetti: aveva la leucemia , una malattia che ha messo fine alla sua vita solo sei mesi dopo. Forse anche il cancro lo avrebbe portato via ugualmente, ma la sua famiglia nutrirà sempre dubbi: Mario aveva deciso di cambiare il trattamento ospedaliero con una cura pseudoscientifica a base di vitamine, su invito di sua madre, simpatizzante delle “terapie alternative“. Aveva dunque messo da parte, la proposta di trapianto di midollo osseo e la chemioterapia stabilite all’ospedale Arnau de Vilanova a Valencia.

Suo padre, ha creato una associazione per proteggere i malati dalle terapie pseudoscientifiche –  Asociación para Proteger al Enfermo de Terapias Pseudocientíficas (APETP) -e due anni fa ha denunciato il caso alla giustizia. Attualmente, mentre il Tribunale di Istruzione n ° 7 di Valencia era sul punto di chiudere il caso, il tribunale di prima istanza (Audiencia Provincial) lo ha riaperto per presunto esercizio abusivo della professione medica. L’imputato potrebbe affrontare una pena fino a due anni di carcere.

“Cura del cancro con le vitamine”

Il terapeuta di Mario, José Ramón Llorente, presidente dell’Associazione spagnola di Nutrizione ortomolecolare ( Asociación Española de Nutrición Ortomolecular),  si presentava come un esperto nel settore. Nonostante la mancanza di laurea in medicina, il papà di Mario, Julián Rodríguez  ha denunciato che il soggetto affermava “di essere in grado di curare il cancro con le vitamine“. Il Governo autonomo di Valencia gli aveva già imposto di cambiare la definizione ‘medicina naturopatica e ortomolecolare’ in ‘Natural Therapy Center’ a seguito di una denuncia.

Nella relazione del tribunale, a cui ha avuto accesso il giornale La Vanguardia, risulta che il querelante  ha presentato un ricorso in cui ha dichiarato che suo figlio ha ricevuto un “trattamento” con “elementi controproducenti” come “funghi o alcol”, costatogli 4.000 euro . Nel testo, i giudici ritengono che la documentazione fornita confermi “l’esercizio illegale della professione dell’accusato”, per essersi presentato come un “esperto in medicina che tratta il cancro”,  e osservato che appariva in alcuni video in cui utilizzava una terminologia  “apparentemente medica”, spiegando i benefici del trattamento con vitamine rispetto alla chemioterapia.

In uno di questi video, il guaritore è ripreso in un ufficio accanto al logo ‘Ospedale Aquarius’ (Hospital Aquarius). Nell’atto giudiziario è indicato che l’accusato fornisce “l’apparenza” di chi si “presenta”, agendo come un medico, pur “mancando” di tale titolo di studio” e viene definito “intervento molesto” il ruolo avuto da José Ramón Llorente nella decisione del giovane Mario di abbandonare la chemioterapia. Inoltre, è ricordato che nella relazione medico-paziente, il primo ha “indiscutibile valore per il valore terapeutico, dato l’evidente squilibro che sussiste tra le parti”  e che porta il paziente a mettersi nelle mani del medico.

La Vanguardia ha contattato José Ramón Llorente, che ha rifiutato di dare spiegazioni su “raccomandazione” del suo avvocato, cosa che, riferisce,  lo “infastidisce” perché dopo 44 anni di lavoro “non ha nulla da nascondere”. L’uomo sostiene vi siano “persone che mentono spudoratamente per una questione di interesse” e ha aggiunto che, secondo la Società Spagnola di Oncologia Medica, “l’anno scorso 104.000 persone sono morte in seguito a trattamenti oncologici”.

“Papà, ho sbagliato”

In apparenza Mario ha accettato volontariamente il trattamento come persona maggiorenne. Ma suo padre lo mette in dubbio. Sostiene in uno scritto che suo figlio appariva “disorientato” dopo aver  ricevuto la terribile notizia così giovane, cosa che lo aveva lasciato in una posizione di svantaggio al momento di accettare i principi di “un esperto in medicina naturopatica”. Racconta che José Ramón Llorente  “metteva paura”, a suo figlio assicurandogli che non avrebbe retto più chemioterapie ma quando il figlio si rese conto dell’errore, era ormai troppo tardi.

Il padre, rammenta che ebbe una conversazione inquietante con Mario, che gli disse, già vicino all’esito fatale: “Papà, mi sbagliavo.” “No, figlio, non hai sbagliato, ti hanno confuso la testa”, aveva risposto per non dirgli “ti hanno ingannato” in un momento così difficile. E aggiunge, tagliente, che suo figlio è stato manipolato dal “falso terapeuta”.

Julian Rodriguez, è profondamente colpito, non concede più interviste con i media, ma continua a lottare con la sua associazione affinché non si ripetano nuovi casi. L’ente richiede che le persone senza studi medici accreditati da organismi ufficiali non possano promuovere terapie curative, né pubblicizzare cure prive di riscontri oggettivi, che si potenzino la cultura della prevenzione delle malattie nella società e il pensiero critico e scientifico, al fine di evitare “possibili manipolatori pseudoscientifici”. Nella memoria del tribunale si menziona  Discovery Salud, un sito web e la rivista che promuove apertamente pseudo-cure.

 Julián Rodríguez ha inoltre lanciato una campagna su Change.org per raccontare la sua storia e per cercare di contrastare le pratiche classificate come “terapie naturali, complementari o alternative”.

 

di 

 

Libera traduzione a cura favisonlus

 

FONTE: LA VANGUARDIA

http://www.lavanguardia.com/local/valencia/20160411/401037561226/mario-leucemia-valencia-curandero-pseudociencia.html

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...